Troppa lentezza nel ripulire Bagheria

attualita
Typography

Forse siamo stati degli ottimisti nel pensare che sarebbe occorso almeno una settimana per ripulire Bagheria, perché dai ritmi di lavoro cui stiamo assistendo, di settimane ce ne vorranno due.

Siamo andati un po’ in giro in questi due giorni per vedere come stanno andando le cose: e ci siamo resi conto che ormai il Coinres conta i danni e si lecca le ferite, perché si troverà a gestire le macerie di quel castello di carta che ha costruito.

Non è di fatto rimasto che qualche sparuto cassonetto bruciato, ammaccato, sfondato, sporco e poco utilizzabile.
Parlare di "differenziata" in queste condizioni è come consigliare di mangiare brioches a chi non ha il pane (e sappiamo come finì la regina che diede ai suoi sudditi questo consiglio).
Un certo lavoro è stato fatto: il Corso Butera ridotto a pattumiera è stato ripulito, come pure le Vie Dante e Mattarella e alcuni vie secondarie in cui i sacchetti ostruivano ormai il traffico di quartieri sovraffollati in cui i cumuli erano a diretto contatto con le abitazioni.

Ma ci sono ancora importanti arterie come Via Città di Palermo e Via Papa Giovanni, in cui la spazzatura continua ad accumularsi; d’altro canto anche nelle zone che vengono via via ripulite, le riserve di sacchetti custoditi in casa, fanno subito riformare altri cumuli.
Insomma sembra di scalare una montagna la cui cima ogni volta si riscopre essere più in alto. Ogni cumulo prende dalle due alle tre ore per essere caricato sui mezzi: tra l’altro nel momento in cui la benna riempie un mezzo non può fare nient’altro, deve aspettare che il carico venga conferito in discarica.Si potrebbe pensare all'uso sia pure straordinario di altri mezzi?

Non abbiamo consigli tecnici da dare; ma considerata che straordinaria è l’emergenza non sarebbe possibile ricorrere anche al lavoro straordinario?
Alla fine ci vorrà una bella disinfestazione, perché in questi giorni topi, scarafaggi, zanzare, gatti e cani randagi hanno fatto festa.
Una curiosità però ce l’abbiamo: quale sarà la "ricetta segreta" dell’U.D.C. per risolvere il problema spazzatura? Aspettiamo e vedremo.