Gestire la rabbia senza nuocere agli altri e a se stessi - di Francesco Greco

attualita
Typography

Quante volte al giorno ti capita di provare emozioni negative? Ansia, tristezza, rabbia, paura, vergogna sicuramente non sono affatto piacevoli e spesso non ci fanno stare bene, emozioni però inevitabili, che tutti, indistintamente, proviamo innumerevoli volte nel corso nella nostra vita.

In genere queste emozioni non sono la prova del fatto che c’è qualcosa che non va, semplicemente indicano che stiamo vivendo. Infatti non puoi evitare in alcun modo di provare queste emozioni negative, perché proprio questa altalena, questa sorta di contagio emotivo ciclico che deriva dalle situazioni e dai pensieri è intrinsecamente umano.

Il fatto però è che se l’ansia o la tristezza assumono quote rilevanti e impattano sulla nostra quotidianità interferendo con la maggior parte delle attività, allora ecco che questo “disturbo” va affrontato e trattato adeguatamente con la psicoterapia.
Fin da piccoli siamo stati condizionati a rifiutare tutto ciò che è sgradevole, comprese certe emozioni e l’educazione al “ti voglio bene se...farai il bravo, se ascolterai i genitori, gli insegnanti” ecc. a volte ha influenzato negativamente lo sviluppo dell’autostima, creando schemi e convinzioni rigide sull’amore di se: noi stessi ci amiamo se siamo belli, bravi, se aderiamo alle regole, se non facciamo mai errori. Il fatto è che tu dovresti dire a te stesso: “Ti voglio bene e ti amo per quello che sei”, a prescindere da tutti gli errori che, in quanto umano, tu inevitabilmente farai.
Tra le emozioni, sicuramente la rabbia è quella il cui impatto può avere anche conseguenze devastanti, se non gestita correttamente.
Il fatto è che non puoi sopprimere la rabbia o dirti che è sbagliata o sconveniente. La rabbia è una emozione da nascondere? Devi buttarla fuori ad ogni costo? In realtà è necessario che tu faccia defluire tutta la potenza della rabbia, dandogli però la giusta direzione.
Se provi a tenerti tutto dentro questa rabbia si trasforma in veleno, ma se la butti fuori senza criterio rischi di fare del male anche a chi non c’entra nulla con i motivi che ti hanno fatto arrabbiare.
Allora non dobbiamo costruire argini attorno alla rabbia, ma utilizzare canali di sfogo per comunicare agli altri la nostra emozione in maniera pulita e costruttiva.
Se provi rabbia accettala, dì a te stesso: “questa è la mia rabbia”, non essere in ansia o in colpa per la tua rabbia, se lotti contro di essa semplicemente ne amplifichi la portata.
Un metodo che consiglio sempre ai miei pazienti e quello di prendere un foglio bianco e di scrivere lettere di rabbia rivolte a persone che negli anni ti hanno fatto arrabbiare. Scrivi fino a quando sentirai defluire e calmarsi il fiume della tua rabbia.

Dott. Francesco Greco
Tel. 3922965686
http://www.consulenzapsicologicaonline.blogspot.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

___________________________________________________________________________

Il Dott. Francesco Greco, Psicologo e Psicoterapeuta, è specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Svolge attività clinica per i disturbi d'ansia, depressione, crisi, stress, insicurezza, disturbi emotivi. Utilizza la cbt e le terapie di terza generazione, Mindfulness e tecniche di rilassamento. Specializzato nel trattamento dei disturbi dell’alimentazione attraverso la tecnica della CBT-E, disturbi sessuali e consulenza di coppia, abuso di sostanze. Riceve a Bagheria e a Palermo.