Perché devi coltivare la gratitudine, cioè la felicità, cioè l’amore- di Francesco Greco

attualita
Typography

Capita sempre più spesso che le persone che desiderino migliorare la propria vita attraverso l’individuazione ed il raggiungimento degli obiettivi personali si rivolgano allo psicologo. Quando le persone mi contattano, anche utilizzando i social (sempre di più a dire il vero) chiedono un cambiamento concreto per migliorare la loro qualità di vita e strumenti concreti per percorrere e superare, passo dopo passo, gli ostacoli e le sofferenze emotive.


E di frequente capita che la richiesta non riguardi più il solo superamento dell’ansia o il miglioramento dell’umore o la terapia di un certo disagio psichico (anche se magari sono presenti in comorbidità), ma un consulto più profondo, che impatta sugli scopi e sui valori, sulla direzione da prendere, sul chiarimento di ciò che si vuol fare e delle strade da percorrere.
“Doc cosa faccio adesso che ho finito il liceo?”, “Perché mi sento bloccato all’università?”, “Vorrei smettere di rimandare le cose ma non ci riesco”, “quale è il lavoro giusto per me?”, “Doc che faccio adesso che mi ha lasciato?” sono solo alcuni esempi delle richieste che mi vengono fatte durante il mio lavoro.
In questi anni ho compreso una cosa importante: queste richieste hanno a che fare con il tema della felicità, declinato nelle varie aree della vita delle persone, sentimentale, del benessere personale e della sfera lavorativa.
E allora vi confesso un segreto che ho scoperto: la ricerca della felicità personale passa attraverso la gratitudine! E la gratitudine passa dall’amore. Perché quando amiamo accade una rivoluzione sconvolgente, una benedizione per la mente ed il corpo. Sentiamo un energia che ci investe e poi ci solleva, ci spinge verso ciò di cui fino a ieri avevamo paura e che eravamo stati attenti ad evitare.
Io credo che tutti vogliamo ricevere amore, nessuno escluso. Però c’è un punto: chi vuole ricevere amore deve semplicemente donarlo, anche se potrà accadere, all’inizio, di percepire l’impressione di non essere ricambiato. Eppure vedrete che arriverà, anche in forma diversa, ma arriverà.
Quindi se vuoi migliorare la tua vita, se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi, se vuoi essere più performante e motivato, devi coltivare la felicità, e quindi la gratitudine, e quindi l'amore.
Se desideri coltivare l’arte della gratitudine, allora dovrai nutrirti di pensieri e parole di gratitudine.
Un esercizio che faccio fare spesso è quello di invitare i miei pazienti a riempire i propri spazi (stanzetta, casa, scrivania, la macchina ecc..) con dei post-it colorati con le parole “amore”, “grazie”, “ti amo”, “sei meravigliosa”, “gratitudine”, “sei vita”. Qualcuno se li è pure tatuati (:-)), mentre altri ne hanno cominciato a parlare agli amici, magari al pub o in quel locale dove fanno il sushi di tendenza. E me lo dicono su Instagram, mi taggano mentre esercitano la loro gratitudine.
Questi bigliettini funzionano così semplicemente, perché ti ricordano di percorrere la strada della gratitudine, ti ispirano, facendoti focalizzare su tutto ciò di cui essere grati. Se ci pensi bene la tua vita ne è piena. Basta solo “esercitarsi” nell’osservare e nel comprendere tutto ciò.
Un altra cosa che puoi fare è scrivere ogni sera, su di un foglietto, le tre cose più belle che ti sono capitate oggi, per cui puoi essere grato.
Einstein diceva che la gioia nell’osservare e nel comprendere è il dono più bello della natura, e imparando a notare ciò di cui essere grati diventa una forma di comprensione e di rispetto verso ciò che abbiamo ricevuto e soprattutto verso noi stessi.

Dott. Francesco Greco
Tel. 3922965686
http://www.consulenzapsicologicaonline.blogspot.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

___________________________________________________________________________

Il Dott. Francesco Greco, Psicologo e Psicoterapeuta, è specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Svolge attività clinica per i disturbi d'ansia, depressione, crisi, stress, insicurezza, disturbi emotivi e dello spettro ossessivo. Utilizza la Terapia Cognitiva, la Acceptance and Commitment Therapy (ACT), Mindfulness e la SCHEMA THERAPY. Specializzato nel trattamento dei disturbi dell’alimentazione attraverso la tecnica della CBT-E, disturbi sessuali e consulenza di coppia. Riceve a Palermo e Bagheria.