Il futuro dipende da come lo pensi: l’importanza dell’atteggiamento mentale

Il futuro dipende da come lo pensi: l’importanza dell’atteggiamento mentale

attualita
Typography

Il tuo futuro dipende da come lo pensi. Se vedi rosa avrai un futuro migliore e questa non è una affermazione fatta così, tanto per voler essere ottimisti. E’ una evidenza che deriva da studi e ricerche che sono fioriti soprattutto negli ultimi decenni negli Stati Uniti.

Da queste considerazioni emergono risultati apparentemente sorprendenti, come quello per cui la durata della vita non dipenderebbe soltanto da fattori genetici e dallo stile di vita, ma anche dal tuo atteggiamento mentale! (però se ci pensate bene mica tanto, se no che ci starei a fare io con il mio lavoro? :-)),

Ad esempio B. Levy, una collega dell’università di Yale ha esplorato per anni la relazione tra atteggiamento mentale riguardo al futuro e lunghezza della vita dimostrando che chi ha una visione positiva (anche della stessa vecchiaia) riesce a vivere in media circa 7 anni in più di chi ha un outlook negativo della propria vecchiaia.
Come funziona questo meccanismo? Come possono le nostre credenze influenzare così il nostro futuro? Semplicemente perché il modo in cui tu pensi al futuro già oggi, influenza le tue scelte quotidiane. Se vedi positivo sarai ad esempio più invogliato a compiere e mettere in atto comportamenti sani e funzionali, come impegnarsi nelle attività che ami, dedicare del tempo al tuo benessere, alla tua salute o a coltivare i tuoi amici.
Non credi allora che valga la pensa fermarsi un attimo e diventare più consapevoli delle tue credenze, delle tue idee, dei tuoi pensieri? (se hai bisogno di una mano ci sono io, c’è lo psicologo… ah ah ah sai un po di merketing non fa mai male :-))
Se hai una visione negativa del tuo futuro non c’è da disperarsi. E’ una tua idea e la cosa positiva è che le idee, le convinzioni, si possono cambiare nonostante tutto.
Un nostro atteggiamento negativo tipico riguarda il focus su cui ci concentriamo quando diamo un giudizio sulla nostra vita. Ti è mai capitato di concentrarti ad esempio su ciò che non hai o su ciò che hai perso? (no? Beh non ci credo!). Questo è un tipico assetto mentale che genera in noi infelicità e prima o poi tutti ci siamo caduti in qualche modo, abbiamo ceduto alla tentazione di lasciarci andare alla tristezza perché non eravamo grati di ciò che già avevamo. L’atteggiamento di cui parlo è quello che ci porta, inesorabilmente, a mettere in secondo piano ciò che già possediamo, mentre essere grati di ciò che già si ha e che fa parte della nostra vita è invece un modo alternativo di approcciarsi al proprio mondo, sia esso interiore che esteriore.
E perché questo atteggiamento alla lunga funziona? Perché se sei grato, sei più ottimista e quindi sei maggiormente portato ad essere proattivo, propositivo, hai più voglia di metterti in gioco, di trovare ad esempio nuovi amici o di coltivare i tuoi hobbies o di adottare uno stile di vita sano, ad esempio facendo sport o impegnandoti in una dieta o nelle attività fisiche.
Chiaramente devi in un certo senso allenare la tua mente a questo nuovo mindset, perché sarà facile cadere nelle solite abitudini e nelle solite trappole mentali. Ma queste “psicotrappole” che noi stessi ci tendiamo, in qualche modo non sono assolute o immutabili. Sono legate a idee e abitudini che con il giusto allenamento possono essere cambiate e modificate.
Si tratta quindi di impostare una sorta di rituale quotidiano per il tuo benessere e la tua felicità. Più sarai in grado di essere consapevole delle tue idee e di ciò che pensi, più avrai maggiori possibilità per cambiare visione delle cose alla ricerca del giusto atteggiamento mentale.

Dott. Francesco Greco
Tel. 3922965686
http://www.consulenzapsicologicaonline.blogspot.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

___________________________________________________________________________

Il Dott. Francesco Greco, Psicologo e Psicoterapeuta, è specialista in Psicoterapia Cognitivo Comportamentale. Svolge attività clinica per i disturbi d'ansia, depressione, crisi, stress, insicurezza, disturbi emotivi e dello spettro ossessivo. Utilizza la Terapia Cognitiva, la Acceptance and Commitment Therapy (ACT), Mindfulness e la SCHEMA THERAPY. Specializzato nel trattamento dei disturbi dell’alimentazione attraverso la tecnica della CBT-E, disturbi sessuali e consulenza di coppia. Riceve a Bagheria.