Il grido d'aiuto di Asva: “Basta con il business sulla pelle degli animali”

attualita
Typography

Questa è la fine di una storia iniziata nel lontano 2002, quando a occuparsi di randagismo e difesa dei diritti degli animali era uno sparuto gruppo di sognatori!


Il 30 giugno prossimo si conclude il rapporto convenzionale con l'amministrazione di Bagheria, che dal canto suo, senza sentire il benché minimo bisogno di confrontarsi con chi ha fatto la storia in questo comune sul fronte dell'animalismo, ha pensato bene di indire una gara a trattativa privata alla quale noi non potremo partecipare, non vogliamo partecipare! Il bando prevede lo stanziamento di €29.000 per i sei mesi rimanenti dell'anno in corso, che rapportati agli attuali 184 cani in ns. gestione, corrispondono a una diaria di 0,87 euro, per ogni singolo cane per giorno. Avete capito bene! Cifra, questa, onnicomprensiva di tutto (prelievo, sterilizzazione, cura e mantenimento).
In aggiunta, sempre nel bando, si sottolinea che "verrà valutata l'offerta economicamente più vantaggiosa" (sic!). Ma questi "nuovi" amministratori sanno bene quello che fanno? Sono stati informati che dovranno prelevare tutti e 184 cani "depositati" in Asva e condurli in un altro canile? Esiste un canile in provincia di Palermo che possa accoglierli tutti?
Intanto da parte ns. avvieremo una procedura legale di opposizione, giacché ci sono delle ordinanze sindacali passate che spiegano bene la situazione di Bagheria, in cui, fatto di assoluta rilevanza, è riportato a chiare lettere che, nonostante i 9 anni trascorsi dal suo arrivo nelle casse comunali, si deve obbligatoriamente utilizzare il finanziamento statale di 80.000 euro per la costruzione del canile pubblico. A questo punto noi non capiamo la necessità di voler scegliere di arruolare una ditta privata, con l'aggravante dell'offerta più bassa dal punto di vista economico. Siamo di fronte a una scelta scellerata e, aggiungiamo, immorale! Delle due l'una: o ben presto spariranno i cani comunali oppure sparirà la ditta. Ai posteri l'ardua sentenza...
Stop business sulla pelle degli animali!

Asva Sicilia