Mercoledì, 17 Settembre 2014
   
Text Size
lafonte
scopri le offerte in ParaFarmacia

Ancora un eclatante episodio di protesta al comune, spia del grave disagio sociale

Cronaca

alt

Mancava poco alle dodici quando la signora, B.G., 48 anni, vedova, si è recata presso gli Uffici della soidarietà sociale in via Consolare, già sede degli uffici giudiziari.

Indirizzata verso le assistenti sociali la signora ha cominciato a chiedere un posto di lavoro rappresentando una situazione familiare ed economica drammatica: naturalmente nessuno in quell'ufficio era in grado di garantirle questa opportunità.

La donna allora si è messa a cavalcioni su una finestra dell'Ufficio delle assistenti sociali che si trovano al primo piano dell'edificio, ma ad almeno dieci metri dal suolo, minacciando di buttarsi giù.

Si è messo in moto l'ormai ben noto meccanismo, che prevede l'ambulanza del 118 immediatamente accorsa, la forza pubblica in questo caso rappresentata da diversi agenti di Polizia e dalla dr.ssa Maria Russo; dopo circa mezz'ora sono arrivati anche i vigili del fuoco.

Per oltre un'ora un agente di polizia donna è rimasta accanto alla signora a parlamentare per convincerla a desistere dall'insano gesto, mentre nel contempo i suoi colleghi le stavano vicino per impedire qualche movimento scomposto ed autolesionista.

Nel frattempo è arrivata anche la figlia della donna che rivendicava a gran voce il diritto per la loro famiglia a poter contare su un lavoro, e qualunque esso fosse.

altSono arrivati anche gli assessori Fabio Atanasio e l'assessore alla solidarietà sociale Maria Puleo, e intorno alle 13, dopo circa un'ora l'atteggiamento di oltranzismo della donna è rientrato.

Si è messa a parlare con l'assessore Puleo e con l'assistente sociale, che hanno naturalmente cercato di tranquillizzarla ed alle quali ha riferito una storia familiare difficile, ripetendo continuamente la frase : 'io voglio lavorare, non voglio nient'altro'.

Pare che in altre occasioni il comune sia intervenuto per un sostegno economico alla famiglia, ma a lenire il dramma di chi non ha un reddito certo, non possono essere certo  gli interventi occasionali.

   

Bagherese cinquantenne ritrovato cadavere dentro un auto allo Sperone

Cronaca

alt

Il corpo di un uomo è stato trovato, questo pomeriggio, privo di vita in un’auto in sosta nel quartiere Sperone, in via Sacco e Vanzetti. Si tratta di un uomo di età tra 40 e  50 anni, di Bagheria. La morte probabilmente è avvenuta per un’overdose.

Il magistrato ha già disposto l'autopsia ed ha disposto il sequestro della vettura.

Sul posto sono intervenute quattro volanti della polizia. Sul cadavere nessun segno di lesioni. L’auto nella quale è morto l’uomo è una Reanult Clio. In tanti si sono radunati subito sul posto.

Non si conoscono ancora le sue generalità, anche perchè l'uomo non aveva documenti addosso. Sul posto le volanti della polizia, i sanitari del 118 che hanno accertato il decesso dell'uomo e i vigili urbani che hanno chiuso al transito delle auto la strada.

da blogsicilia.it

 

Più tardi aggiornamenti

   

Sant'Elia: i funerali di Michele e Roberto come la rappresentazione di una tragedia

Cronaca

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

alt

Finisce davanti la chiesetta di Sant'Elia, con le bare issate verso l'alto, verso il cielo quasi a volere simbolicamente consegnare Michele e Roberto all'altro mondo, o a raggiungere quei palloncini bianchi e celesti fatti volare sù, e con il grido che accompagnerà i due feretri ininterrottamente nella breve processione tra i vicoli della borgata marinara, Robbèè! Michèè! cca siamu!

Trovano i cugini e gli amici di Roberto e Michele il modo di rappresentare nella maniera fisicamente più palpabile e diretta, quel groviglio di sentimenti, rabbia, dolore, compassione, che attraversa il cuore e la mente: i familiari più stretti non ce la fanno si sono rinserrati in un dolore muto e disperante.

Un ragazzino appena adolescente, forse un cugino o un nipote, che per tutta la cerimonia rimane abbracciato senza versare una lacrima alla bara di Roberto, mentre accanto a quella di Michele gli amici e i cugini seduti per terra stanno abbracciati alla bara, ed i loro gesti e le loro movenze contengono quella ineffabile dolcezza con cui vorrebbero parlare al corpo di Michele ormai freddo e muto, riportano vagamente alle pie donne attorno al corpo di Gesù.

Facce di ragazzi bruciati dal sole ed adusi alle fatiche e alla durezza del mare e che piangono come bambini. Non si può non lasciarsi contagiare dal clima doloroso dell'evento.

Sulle bare deposte umilmente per terra il simbolo della Congregazione di Maria SS.Addolorata ed in quella di Michele anche una maglietta rosanero.

altRaramente ci era accaduto di partecipare ad un funerale di questo tipo: una morte tragica che ha accomunato due persone unite nella vita, che assieme vanno a fare l'ultimo pezzo di strada su questa terra, quelle viuzze dove sono cresciuti, hanno scherzato, hanno amato.

Insieme hanno vissuto, insieme se ne vanno.

C'è tutta Sant'Elia, ma non solo naturalmente, perchè Roberto e Michele avevano amici ovunque, e per questo ci sono i vecchi compagni di scuola, parecchi dei loro insegnanti, migliaia di persone certo, con quel palco che doveva ospitare la gioia e l'allegria di una festa patronale trasformatosi in altare dove sono stati officiati i loro funerali,  e dove sono state esposte due grandi foto che li mostrano felici.

La gente è dovunque : 'nno chianu naturalmente sotto il sole cocente, a capannelli magari a ripararsi dal sole sotto qualche albero, parecchi seduti nelle sedie sistemate per l'occorrenza, molti lassù sul piccolo belvedere e sul tratto di strada che attraversa la borgata.

Qua e là nelle prime file, mani pietose accarezzano i familiari più stretti, li assistono e consolano come possono con piccoli gesi, un ombrello per ripararli dal sole, qualche bicchiere d'acqua a lenire l'arsura, sperando con ciò di lenire i morsi del dolore accecante che stravolge i cervelli.

Sono quattro i concelebranti e tra questi padre Liborio Scordato della Chiesa di Maria SS. del Lume, con il sacerdote officiante, cui spetta la missione impossibile di trovare un minimo di razionalità in una tragedia folle e assurda, che con commossa partecipazione riesce a trovare le parole giuste, come solo gli uomini di fede sanno fare in queste circostanze.

'Maria dice, parlando alla mamma di Michele, fu sottoposta ad un dolore atroce  e lancinante con il sacrificio del figlio Gesù, eppure non si fece travolgere dal dolore che seppe trasformare in forza e consapevolezza'. Ed ancora: 'che il sole di oggi sia in qualche modo un segno che questi ragazzi come il sole andranno a risplendere in altri luoghi'

Ed il fratello di Roberto trova la forza di dire alcune delle parole più belle: 'E' vero oggi io ho perso un fratello, ma guardando quanti siete e quello che mi avete manifestato in questi giorni, sono certo di averne trovato migliaia di fratelli e sorelle'

alt

Ed in chiusura una giovane cugina di Michele che trova il registro giusto per parlare del giovane scomparso: 'eri sempre allegro, battutista, e con te si rideva sempre, e poi sapevi parlare di tutto, di cose frivole come di cose impegnative e difficili, e con la tua parlantina ci convincevi sempre'.

E poi le tue passioni: i libri  e le letture, le lunghe nuotate, il calcio, i cruciverba, ma anche gli scacchi, pomeriggi interi a giocare.

E le sue intemperanze da ragazzino, quando il nonno li aveva portati in barca, e non avevano fatto dormire nessuno con i loro scherzi.

Speriamo che alla comunità flavese, negli ultimi anni sconvolta da tante dolorose tragedie il futuro riservi pace e serenità.

 

Angelo  Gargano

   

Bagheria: a fuoco una vespa dentro l'area della stazione ferroviaria

Cronaca

alt

Curioso incendio stamane intorno alle sei, allorchè una Vespa, intestata ad F.P. presumibilmente un lavoratore pendolare,  posteggiata all'interno dell'area passeggeri della stazione ferroviaria di Bagheria, è andata all'improvviso a fuoco.

Per spegnere l'incendio della vespa, 'regolarmente' assicurata con una robusta  catena al cancello d'ingresso dell'area passeggeri, è stato necessario l'intervento dei vigili del Fuoco, e nel contempo sono intervenuti i carabinieri della stazione di Bagheria per cercare di risalire alle cause.

Il mezzo è andato completamente distrutto dalle fiamme, anche se dalla carcassa fumante si intravedono le 'forme' di una vespa; nessun elemento è stato riscontrato dai pompieri che potesse far pensare alla natura dolosa del rogo.

Si era sospettato di un filo elettrico che penzolava nei dintorni del mezzo, ma è stato subito accertato che non era alimentato da corrente elettrica.

Capannelli di curiosi, in quelle ore la stazione è affollatissima di lavoratori e studenti pendolari, oltre che i viaggiatori dei treni di passaggio, hanno assistito alle operazioni di spegnimento.

Indagano i Carabinieri di Bagheria.

 

   

Pagina 1 di 339

la tua web tv

Cronaca - le news più lette

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti