Sabato, 04 Luglio 2015
   
Text Size

direcas2

Trabia: i CC arrestano coppia di fidanzati per detenzione e cessione di stupefacenti

Cronaca

alt

A Trabia i Carabinieri della locale Stazione hanno arrestato due persone per detenzione e cessione di sostanza stupefacente.

I militari dell’Arma notavano nei pressi dell’abitazione di INDRICCHIO Alessandro classe 1989, sottoposto al regime degli arresti domiciliari, la presenza di un giovane ragazzo del luogo. Quest’ultimo sostava per pochi minuti in quell’area, quando ad un tratto INDRICCHIO si affacciava dal balcone della sua abitazione e gettava un involucro che veniva immediatamente raccolto dal giovane che, dopo averlo occultato nelle parti intime, proseguiva verso il centro del Paese.

Immediatamente dopo i Carabinieri, decidevano di fermarlo e di sottoporlo a perquisizione personale accertando che negli slip nascondeva 10 grammi di sostanza stupefacente del tipo hashish. Lo stesso veniva successivamente segnalato come assuntore alla Prefettura di Palermo.

Dopo poco i militari decidevano di estendere la perquisizione presso l’abitazione di INDRICCHIO con l’ausilio delle unità cinofile, nel frattempo sopraggiunte.
All’interno dell’abitazione veniva trovata la compagna dell’Indricchio, identificata in P.m. classe 1992, la quale consegnava spontaneamente circa 70 grammi di hashish, che occultava anch’essa negli slip.

All’interno dell’abitazione veniva ancora, rinvenuto, un bilancino ed il materiale atto alla pesatura ed al confezionamento della sostanza stupefacente.

Sulla base delle risultanze investigative raccolte, i due fidanzati venivano accompagnati in Caserma e terminate le formalità di rito, dichiarati in stato di arresto per detenzione e cessione di sostanza stupefacente in concorso.

Gli arresti venivano convalidati dal Giudice delle indagini preliminari che disponeva la custodia cautelare in carcere per INDRICCHIO e l’obbligo di dimora nel Comune di Trabia per la sua compagna.
 

   

Giorno di pagamento delle pensioni: la Polizia effettua controlli nei pressi degli Uffici postali

Cronaca

alt

Hanno ormai obiettivi mirati gli interventi di controllo del territorio che ormai da diversi mesi e con elevata frequenza la Polizia di Stato di Bagheria, rinforzata da unità del Reparto prevenzione crimine della Questura di Palermo, esercita sul territorio di competenza.

Il sabato sera per prevenire eventuali rapine ai commercianti, azioni di  'setaccio' in alcune aree del territorio considerate a rischio;  ieri invece 1 luglio data di pagamento delle pensioni è stata svolta attività di prevenzione e vigilanza in vicinanza degli Uffici postali.

Nella giornata di ieri 1° luglio due volanti del Commissariato di P.S. di Bagheria e cinque unità operative da Palermo, circa 25 uomini in tutto, agli ordini del dirigente, dr. Francesco Fucarini, hanno lavorato con l'obiettivo di rendere il più possibile sicuro il prelievo delle pensioni da parte dei cittadini, cercando di individuare soggetti potenzialmente pericolosi che stazionassero nei pressi degli uffici postali di Bagheria ed Aspra.

Nell'occasione sono stati identificata circa 50 eprsone, controllati 30 veicolied elevate 20 contravvenzioni. Quasi dieci i mezzi posti sotto sequestro, 5 autovetture e 4 motoveicoli, per mancanza della polizza di copertura assicurativa, mentre alrre 4 vetture sono stae sottoposte a sopsensione dalla circolazione perchè non avevano effettuato la prevista revisione periodica.

Nell'area di  parcheggio antistante l'Hotel Kafara inoltre sono sati sanzionati con multe da 771 euro due posteggiatori abusivi, palermitani, di 38 e  28 anni.

L'obiettivo è di dare continuità a questa azione di prevenzione che in base ai report sulla frequenza dei reati sta cominciando a dare concreti risultati.

   

Annullata alla Flott di Aspra una multa di 800.000 euro ed il GIP archivia l'accusa di evasione

Cronaca

alt

La notizia viene pubblicata su livesicilia di oggi 1° luglio. I fatti risalgono al 2013 allorchè la Guardia di Finanza di Palermo aveva contestato alla FLOTT S.p.A. con sede ad Aspra, che lavora nel campo della produzione di acciughe e prodotti della pesca sott'olio, che un contratto stipulato tra la una cooperativa Asprense e l’azienda Flott, per le prestazioni di determinati servizi celasse, in effetti, un prestito di mano d’opera, vietato dalla Legge Biagi e, pertanto, definiva il contratto non genuino.

Due anni prima anche l'INPS aveva effettuato dei controlli  e non aveva però riscontrato alcuna irregolarità, ritenendo assolutamente legittimo il rapporto tra cooperativa e azienda.

Alla Guardia di finanza l'azienda aveva reiteratamente e con insistenza chiesto di astenersi dal rilievo totalmente e palesemente infondato. L’Agenzia delle Entrate di Palermo ha confermato i rilievi della guardia di finanza reclamando all'azienda imposte e sanzioni per circa 800.000 euro.

I sindacati avevano chiesto udienza al Prefetto di Palermo al quale avevano sottoposto il paradosso che due organi dello Stato la pensassero in maniera così diversa su una identica fattispecie e che ci sarebbe stata una ricaduta negativa sull'occupazione con il licenziamento dei lavoratori cui la Flott era stata di fatto obbligata.

altParallelamente si apriva un procedimento penale per evasione fiscale e fortunatamente per l'azienda non veniva disposto alcun sequestro per equivalente, non essendoci i presupposti di legge.

All'azienda non restava altro che ricorrere in Commissione tributaria dando mandato per la difesa tributaria allo 'Studio Dottori Commercialisti Errante di Palermo, Studio Integrato del network nazionale ACB Group S.p.A.' e nel contempo interrompeva il contratto di servizi che aveva come effetto immediato la perdita del posto di lavoro per 18 operai.

La Commissione Tributaria di Palermo nell'aprile del 2015 ha annullato l’avviso di accertamento dell’Agenzia delle Entrate rilevando che le conclusioni della guardia di finanza appaiono contraddittorie e che la asserita non genuinità del contratto di servizi non appare adeguatamente e sufficientemente provata.

Il Gip di Palermo ha accolto la richiesta di archiviazione del pm della Procura della Repubblica.

Nel frattempo, ed in attesa della sentenza, la Flott dal 1° gennaio 2015 aveva proceduto alla riassunzione diretta dei 18 dipendenti della Cooperativa.

nella foto interno pagina Tommaso Tomasello, amministratore delegato della Flott

 


 

   

La Procura starebbe per aprire indagine sul riconoscimento delle pensioni di invalidità

Cronaca

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

alt

Secondo quanto riporta gds.it  in Procura 'sarebbero giunte informazioni ritenute molto attendibili su un presunto giro di mazzette legato al rilascio delle certificazioni per ottenere poi il riconoscimento della pensione di invalidità'.

Vittime sarebbero soprattutto persone anziane che medici in servizio in alcune strutture pubbliche avrebbero costretto a pagare una tangente in cambio della tanto agognata certificazione.

Ad occuparsene dovrebbe essere il pool coordinato dal procuratore aggiunto Leonardo Agueci ( a sx nella foto).

Si ricorderà che appena due settimane fa una pediatra termitana ha incassato una mazzetta da 1.000 euro da una signora bagherese per garantire il buon andamento di una pratica di invalidità; in quella occasione gli agenti della polizia di stato di Bagheria erano riusciti a cogliere sul fatto la professionista arrestandola.

Il sitema corruttivoe che ede naturalmente coinvolti dei sanitari pare che sia diffuso: per questo scrive gds.it 'dal palazzo di giustizia, arriva anche l'invito alle potenziali vittime, a collaborare con i magistrati e le forze dell'ordine, perché denuncino eventuali irregolarità ed episodi di corruzione'.

   

Pagina 1 di 395

Cronaca - le news più lette

Sponsor

Sponsor

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti