Giovedì, 23 Ottobre 2014
   
Text Size

direcas2

Bagheria: degenera in rissa un contrasto in famiglia

Cronaca

altIntorno alle 21.30 dello scorso martedì in via Libertà a Bagheria, A.B. ha cercato di colpire con un punteruolo due familiari contro i quali covava un grave disaccordo per una vicenda di  separazione coniugale.

I due Z.G e Z.V., padre e figlio, si trovavano all'interno della loro auto in via Libertà a Bagheria quando appunto sono stati affrontati con una sorta di punteruolo dal loro congiunto;  i due hanno immediatamente reagito con un coltello da cucina che per caso tenevano dentro la loro auto.

Per fortuna tra i contendenti  solo qualche ferita superficiale, anche se sono intervenute le ambulanze in particolare per A.B., che aveva riportato nello scontro le conseguenze più evidenti.

Subito si è creato un assembramento e sono dovuti intervenire sia Polizia che Carabinieri per riportare la calma, e accertare quanto accaduto.

   

Casteldaccia:si presenta a nome del sindaco per dare una mano in casa e deruba anziana di 8.000 euro

Cronaca

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

alt

Un raggiro in piena regola , quello perpetrato da una persona sinora ignota, che nella giornata di ieri è andata a bussare alla porta di una anziana che vive sola in casa, spiegando di essere stata mandata dal sindaco per darle una mano nelle faccende domestiche.

L'anziana donna è caduta nel raggiro anche perchè il proprio figlio è molto amico del sindaco, per cui le è parso credibile, che nell'ambito dei servizi di assistenza agli anziani il sindaco avesse incaricato una persona per aiutarla nelle faccende di casa, non ha avuto pertanto alcun sospetto, ed ha aperto la porta.

La signora ha cominciato a fare le pulizie in casa, almeno ha mostrato di farlo, e poi parlando con la donna le ha detto che occorreva che le desse 100 euro, non si sa bene per che cosa.

L'anziana donna, seguita dalla falsa badante, è andata a prendere i 100 euro nel posto però in cui custodiva tutti i suoi risparmi, ed a questo punto per la signora delle pulizie che si era messo bene in mente dove erano custoditi i soldi, muovendosi per la casa è andata a 'prelevare' l'intera somma che la donna teneva in casa, pare oltre ottomila euro.

Dopodichè ha salutato con molta buona creanza e si è allontanata con il bottino. Adesso i Carabinieri della stazione di Casteldaccia, ai quali è stata presentata la denuncia, attraverso delle telecamere di sorveglianza situate nella zona, stanno cercando di isolare delle immagini che corrispondano alla descrizioni fatta dalla vittima, nel tentativo di identificare la ladra..

Il sindaco Fabio Spatafora ha ritenuto opportuno diffondere un comunicato che dopo la descrizione del fatto conclude con una pressante raccomandazione:


'L'Amministrazione Comunale, nell'esprimere solidarietà al derubato, informa la cittadinanza che qualsiasi persona inviata dagli uffici comunali per servizi ai cittadini, deve presentare agli stessi un documento che ne attesti l'incarico.
Il Sindaco pertanto confida in un rapporto di collaborazione con i cittadini, per smascherare i truffatori ed assicurarli alla giustizia. 

   

Bagheria: principio di incendio nel deposito di legname Fratelli Gagliano

Cronaca

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

altNel primo pomeriggio di ieri, si è verificato un principio  incendio nel deposito di legnami Gagliano di via San Francesco ( angolo via Passo del carretto) ; se non fosse stato per il tempestivo e coraggioso intervento di uno dei titolari del deposito e di alcuni vicini l'incendio avrebbe potuto assumere proporzioni maggiori con danni ad una azienda che esiste da decenni e da lavoro a tante famiglie.

I vigili del fuoco prontamente intervenuti e la Polizia dopo aver messo i luoghi in sicurezza, hanno scoperto che la causa del principio di incendio risiede nel fatto che alcuni vicini si 'dilettavano' a gettare dai piani alti degli edifici circostanti cicche di sigarette accese che solo per caso, e sino a ieri, non hanno provocato una catastrofe.

A prendere fuoco ed a restare parzialmente bruciato è stato il parco giochi che il Rotary club aveva già acquistato e si era ripromesso di donare al comune per arredare piazza Butera e renderla fruibile per i bambini; il materiale che era stato già  approntato per la consegna era protetto da teli di plastica che a contatto con le cicche di sigaretta, hanno preso fuoco,  provocato il danneggiamento di alcuni pezzi.

Nella loro ricognizione i pompieri hanno scoperto decine di tracce lasciate su materiale infiammabile, plastica, rivestimenti ecc... conseguenti al lancio delle cicche di sigarette accese.

Grande amarezza sia dei titolari del deposito sia del presidente del Rotary, Michele Abbate per l'increscioso accaduto, che dimostra quanta strada debba ancora percorrere la nostra comunità per mettersi alle spalle comportamenti che avrebbero potuto comportare conseguenze ben più gravi. La Polizia ha avviato un indagine sull'accaduto.

 

 

   

Flamia e servizi, il grande mistero: 'quando volevo ammazzare a Pino Scaduto'

Cronaca

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

alt

I passaggi più controversi delle dichiarazioni di Flamia che i magistrati del processo trattativa e dell'appello Mori-Obinu hanno un particolare interesse ad approfondire è quello che  riguarda proprio la collaborazione con i servizi segreti.

E' una ricostruzione quella del rapporto con i servizi che presenta diversi buchi logici e temporali, almeno per la parte di verbali resi noti.

L'ordine di uccidere Pietro Lo Iacono, sostiene Flamia, gli sarebbe stato dato già nel 2004 da Nardo Greco in carcere a Pagliarelli; subito dopo, quando lui esce nell'aprile dello stesso anno, sembra di capire che Carmelo Bartolone e Onofrio Morreale, per dissuaderlo dal mettere in pratica l'ordine di Nardo Greco, gli fanno incontrare addirittura Bernardo Provenzano che gli dice: ' a Pietro Lo Iacono e a so niputi, lassali perdiri picchì su amici nostri, persone molto vicine a noi... chiudi questo discorso...”.

altUn avallo quindi autorevolissimo per non ottemperare all'ordine di Nardo Greco. Ma qualche altro evidentemente aveva ricevuto lo stesso ordine e attraverso dei sicari non bagheresi, Cecala, Carbone e Modica, cercava di metterlo in pratica nell'estate del 2008.

Flamia teme di essere finito dentro una rete, dentro un gioco più grande di lui. E una tesi credibile o no?

 I rapporti con i servizi cominciano nel luglio 2008 in commissariato, a Bagheria, "subito dopo il discorso che si doveva fare l’attentato a Pietro Lo Iacono, il due di spade, sono stato convocato per una scusa in commissariato”. 

Siccome conosco le tragedie - fa mettere a verbale la prima botta che ammazzavanu a mia... sta cosa a me mi pesava che   Pino Scaduto   perdeva sempre tempo a sistemare questa cosa ( l'eliminazione di Pietro Lo Iacono n.d.r.) e avevo preso due decisioni o di ammazzare a Pino Scadutocosa che per fortuna non ho fatto perché sono stato visto, perché per due volte io, abbiamo avuto appuntamenti con Pino Scaduto fuori in parte di campagna ed io intenzionato ad ammazzarlo, però una volta sono stato visto da una persona che fa il fotografo a Bagheria e ho evitato, poi c’è stato questo discorso dei Servizi segreti e ho deciso di aprirmi con loro...”.

Ed è a Bagheria che incontra l'uomo dei servizi segreti che descrive in maniera abbastanza dettagliata “...Altezza 1,76, capelli nel biondo, pochi capelli davanti, ha cambiato più nomi, è nata questa cosa che è durata sei anni dai primi di luglio del 2008 fino al giorno degli arresti del maggio 2013”. “...Questa persona si presenta come persona dello Statoperò facendo capire a chi faceva riferimento...io gli avevo chiesto che imminente dovevo avere il discorso in Cassazione per il processo di Genova... ci dissi c’è la possibilità in cambio di avere una mano di aiuto in Cassazione, perché io aspetto un definitivo di sei anni. Dice: no su questo no, dice, però sicuramente ti possiamo dare una mano di aiuto che andrai a finire in un carcere a scontare la pena, in un carcere buono dove c’è la possibilità di potere prendere i benefici penitenziari, tipo semilibertà e ho deciso a collaborare con i Servizi”.

Una buona fetta di questi anni Flamia li ha trascorsi in carcere. Non è stato un ostacolo, perchè in forza del protocollo 'Farfalla', sulla cui legittimità la magistratura sta indagando, gli agenti segreti pare che entrassero ed uscissero dalle carceri per parlare con i loro confidenti, (ma non solo), quando e come volevano, di fatto senza lasciare tracce.

“...Lui mi mandava a chiedere qualche informazione ma a livello di scemenze fesserie, tramite qualche agente, si presentava qualcuno con la scusa di avvocato però era sempre qualcuno mandato da lui... "

Dove si incontravano ?

“...All’inizio, nel 2008 era lui sempre a chiamarmi che mi contattava e per un periodo di tempo mi dava appuntamento lui a Palermo che mi diceva la strada che dovevo fare per recarmi in via Mazzini in un appartamento di via Mazzini dove ci incontravamo... o telefonicamente oppure lui mi veniva dietro in qualche posto... lui mi si avvicinava con la macchina... ci vediamo domani al solito posto”...."avevamo due posti in campagna e ci fermavamo uno era un po’ più avanti della Casa dei giovani di Bagheria, la comunità di padre Lo Bue..."

Quando viene arrestato nel dicembre del 2008 nell'operazione 'Perseo' , il suo contatto nel preannunciargli l'imminente arresto, aggiunge che, per un errore voluto nella trascrizione della sua data di nascita, verrà arrestato qualche giorno dopo, giusto il tempo per coordinarsi e gli promettono dei soldi, che puntualmente arriveranno con i 150.000 euro che faranno avere al figlio. 

In cambio di cosa ? è questa la domanda cardine. ...Nel periodo 2011-2013 tante cose che io prima che succedessero le avevo fatte sapere ma che sono accadute realmente poi le cose”.

Ma perchè 150.000 euro per una collaborazione che andava,  a dire del Flamia, da luglio-agosto a dicembre 2008 ? Vero è che essendo sotto la sua responsbilità tutta l' organzizazione degli appuntamenti di Pino Scaduto con altri sodali mafiosi, Flamia aveva reso possibile controlli ravvicinati e continui, anche se in un passaggio delle sue dichiarazioni, dirà che in gran parte le intercettazioni erno inutilizzabili, perchè non autorizzate.

Farà conoscere anche il giorno della sua affiliazione avvenuta nel gennaio 2012, “...Stasera devo andare là... come ho riferito che io non volevo andare quando è stata fatta la mia affiliazione ufficiale a Cosa nostra, la puncitina, io gli ho detto: guarda, vedi che dovrei andare, così così, niente puoi fare per farmi fermare, che io prendo la scusa che non posso, che c’ho sbirri addosso, non ci vado... dice: e che fai, vacci vediamo di capirne il più possibile ed effettivamente è stato tutto registrato quando sono stato affiliato”.

altSono tante insomma le cose che i magistrati vogliono capire di questa collaborazione.
 
 Per esempio in  una intercettazione in carcere con un suo parente in visita durante un colloquio nel 2009 diceva : “Minchia ogni giorno per ora parlano di lui, giornali, telegiornale tutti”. Sono i giorni in cui il pentito Spatuzza raccontava di avere incontrato un personaggio misterioso nel garage dove si stava preparando l’autobomba per ammazzare Paolo Borsellino.

Flamia  ha negato che quel lui  fosse un riferimento ad una persona fisica: “Ma parrano d’iddu - chiarisce - io mi riferisco sempre come Servizi segreti, non come persona reale,perché ripeto per me i Servizi segreti era”.

E nell'ultima nota a verbale legittima quella opinione che in tanti dentro e fuori si erano formati, di un Provenzano cioè 'trattativista', che, pur sottoscrivendola, avrebbe in qualche modo subito la  strategia stragista di Totò Riina  “Bernardo Provenzano quando capitava che veniva qualche notizia su qualche telegiornale o giornale, politica, per discorsi di stragi o cose varie, lui sempre diceva: eravamo padroni dell’Italia, dice, eravamo in condizioni di fare fare le leggi che volevamo noi, dice, per avere commesso certe cose siamo tutti nella merda. Però a che cosa si riferiva di avere commesso, non lo diceva mai”. 

   

Pagina 1 di 346

la tua web tv

Cronaca - le news più lette

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti