Giovedì, 17 Aprile 2014
   
Text Size
lafonte

Ci risiamo: torna a Bagheria l'emergenza rifiuti

Cronaca

alt

E' da qualche giorno che il triste e mortificante  spettacolo delle montagne di monnezza, che da qualche mese pensavamo non dovesse più perseguitarci, è tornato ad imperversare sulle nostre strade. 

La raccolta rifiuti procede ormai a scacchiera, si inetrviene dove la situazione è più grave, l'altro ieri all'angolo tra via Derelitto e via Palagonia, stamane in piazza Indipendenza e domani chissà. Nessuna novità invece per la 'discarica' di Incorvino.

E non parliamo del centro storico con i corsi principali che spesso spuntano al mattino con i sacchetti accatastati a ridosso di vetrine e negozi.

La situazione è appena appena migliore nella zona da Aspra a via Dante servita dalla ditta privata; in periferia però la situazione è drammatica.

Diversi i motivi che stanno concorrendo a rendere inguardabile Bagheria: il fatto innanzitutto che il commissario straordinario, smentendo una prassi iniziata con Biagio Sciortino e consolidatasi con Vincenzo Lo Meo, piuttosto che versare le competenze direttamente nelle tasche dei lavoratori Coinres che operano a Bagheria, circa 80, ha versato direttamente al Coinres le spettanze.

E questo gesto del commissario Michela La Iacona, vuole anche segnare una presa di distanza da un prassi dalla dubbia legittimità.

D'altro canto il Coinres è un ente in liquidazione ed il commissario, Roberto Celico, non può erogare stipendi, cosa che dovrebbero fare altri commissari nominati per gestire la partita corrente.

Insomma un bel guazzabuglio, con il risultato che i lavoratori hanno avuto solo il 50% delle spettanze di marzo 2014. La loro protesta pare che trovi fondamento nelle solite inadeguatezze di mezzi e dotazioni.

Sino allo scorso mese si era proceduto con il versamento di 140.000 euro mensili da parte del comune direttamente ai lavoratori dopo un loro sollecito extragiudiziale all'amministrazione, oltre ad versamento  di 40.000 euro verso il Coinres per coprire gli oneri sociali degli addetti.

Ricordiamo sempre che è vigente un appalto di una ditta privata per l'importo trimestrale di 40.000 euro che copre per la sola raccolta circa il 20% del territorio comunale.

Complessivamente quindi circa 200.000 euro mensili, insomma una cifra più contenuta rispetto agli esborsi di un tempo: intanto però è ferma negli uffici la gara per il grande ARO che consentirebbe l'operazione di trasferimento dell'intero servizio di raccolta e trasporto ai privati tramite una gara d'appalto che dovrebbe essere gestita dall'UREGA.

Le carte si sono arenate in qualche ufficio. E noi aspettiamo.

   

Nomi e foto degli autori di rapine e furti ai danni di anziani ad Altavilla e dintorni

Cronaca

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

alt

Sei  misure cautelari e 8 persone denunciate, tra cui 5 minori all’epoca dei fatti contestati, per i reati di rapina, furto, porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione. Questo il bilancio dell’operazione di polizia “Milicia Violenta”, condotta questa notte dai Carabinieri della Compagnia di Bagheria (PA) e nel corso della quale è stata notificata l’ordinanza emessa dalla Dott.ssa Angela Lo Piparo, G.I.P. presso il Tribunale di Termini Imerese (PA). I provvedimenti cautelari riguardano:

- Guagliardo Umberto, già detenuto, Urso Vincenzo, Binario Salvatore e Rio Giuseppe (quest’ultimo già arrestato nel novembre 2013 per altra tentata rapina ed attualmente agli arresti domiciliari);

- Genualdi Gianluca, nei cui confronti sono stati disposti gli arresti domiciliari;

- Guagliardo Salvatore, al quale è stato imposto l’obbligo di presentarsi tutti i giorni alla Stazione Carabinieri di Altavilla Milicia.

 

Le indagini, condotte dai militari della Compagnia di Bagheria e dirette dalla D.D.A. di Palermo (Dott.ssa Francesca Mazzocco e Dott.ssa Caterina Malagoli) e dalla Procura di Termini Imerese (Dott. Bruno Brucoli e Dott. Francesco Gualtieri), hanno consentito, in particolare, di fare luce su una serie di furti e rapine, anche in abitazione, commessi nel periodo gennaio-aprile 2012 da un gruppo di giovani, alcuni dei quali minorenni all’epoca dei fatti, nei comuni di Altavilla Milicia, Trabia e Palermo.

Tali episodi, nel corso dei quali erano state asportate anche armi da fuoco, avevano presentato sin da subito forti elementi di analogia sia per modalità commissive, consistenti in una particolare violenza ed efferatezza, che per le vittime colpite, quasi tutte appartenenti alla fascia “debole” degli anziani soli ed indifesi.

L’attività svolta consentiva di ricostruire il ruolo cruciale svolto da Umberto Guagliardo, poi tratto in arresto nel maggio 2013 nell’ambito dell’operazione antimafia “Argo” ed attualmente detenuto.

Questi, nel medesimo periodo in cui era picciotto di fiducia del reggente della famiglia mafiosa di Altavilla Milicia, si adoperava anche per creare, con il supporto di Vincenzo Urso, una propria cerchia di picciotti, rappresentata da giovani senza scrupoli provenienti dall’hinterland palermitano, disponibili a rapine e furti per facili guadagni, anche con l’uso di armi.

L’esistenza di tale legame operativo – dato indubbiamente allarmante registrato dai militari - esercitato da GUAGLIARDO e URSO, sia nei confronti dei propri fratelli, talvolta utilizzati come vedette, che sui “bambini”, chiamati così dai due perché minorenni o poco più, si concretizzava nella consumazione dei seguenti reati, ora compiutamente ricostruiti dalla polizia giudiziaria:

- la rapina a mano armata ai danni di una Tabaccheria sita a Palermo in via Del Visone, commessa il 27.3.2012 da Guagliardo Umberto, Urso Vincenzo, Binario Salvatore, Geraci Domenico (quest’ultimo tratto in arresto in flagranza di reato) e B.S. minorenne;

- la rapina in abitazione commessa da Guagliardo Umberto, Urso Vincenzo e Rio Giuseppe ai danni di un anziano residente ad Altavilla Milicia, nel corso della quale alla vittima, minacciata con un coltello, erano stati sottratti tre fucili, uno dei quali successivamente recuperato e sequestrato dai militari a Di Franco Nunzio;

- la rapina commessa da Urso Vincenzo e Rio Giuseppe ai danni di una anziana residente ad Altavilla Milicia, che era stata scaraventata a terra e minacciata con un coltello, mentre le venivano sottratti gioielli, soldi e buoni fruttiferi;

- il furto commesso in abitazione, ai danni di un’anziana signora, commesso da Guagliardo Umberto e Urso Vincenzo, nel corso del quale erano stati asportati, dopo aver fatto effrazione della porta d’ingresso, oggetti di valore e denaro contante;

- il porto illegale di un’arma da fuoco - ovvero di un fucile sottratto durante un furto in abitazione - da parte di Raffaele Catanzaro, Nunzio Di Franco e Umberto Guagliardo. In particolare, dai dialoghi intercettati emerge una preoccupante dimestichezza nell’attività illegale di compravendita di armi da sparo da parte del Catanzaro, che afferma di aver venduto una Glock, ed addirittura propone in vendita dell’esplosivo;

- il furto, da parte di Genualdi Gianluca e dei i minori A.I. e P.S., di alcune grondaie in rame poi rivendute da Guagliardo Umberto, Guagliardo Salvatore e Urso Vincenzo;

- il furto di circa 300 m di cavo in rame della palificazione Telecom, commesso da Guagliardo Umberto, Urso Vincenzo, Guagliardo Salvatore ed Urso Mario in contrada Passo del Landro di Altavilla Milicia;

- il furto di un motociclo BMW, asportato da un’abitazione a Trabia da Guagliardo Umberto, Urso Vincenzo, Binario Salvatore, Genualdi Gianluca, assieme ai due minorenni A. I., all’epoca dei fatti 17enne, e P.S., all’epoca 15enne;

- il furto in un villino di Altavilla Milicia commesso da Guagliardo Umberto, Genualdi Gianluca e il minore A. I., all’epoca dei fatti 17enne, nel corso del quale veniva sottratto un televisore, successivamente rivenduto;

- la ricettazione di un ciclomotore Piaggio Beverly, rubato a Palermo ma rivenduto ad Altavilla Milicia da Guagliardo Umberto, Urso Vincenzo, Binario Salvatore e i minori R.S.G., all’epoca dei fatti nemmeno 14enne e B.S. 16enne.

alt alt alt

 Binario  Salvatore                                            Guagliardo  Umberto                                  Urso  Vincenzo  

alt alt

   Genualdi Gianluca                                                  Rio  Giuseppe

 

     

   

Operazione 'Milicia violenta': i carabinieri di Bagheria stanno procedendo all'arresto di 6 persone

Cronaca

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

alt

I Carabinieri della Compagnia di Bagheria stanno eseguendo 6 misure cautelari a carico di altrettante persone, e denunciato altri 8 complici, tra i responsabili anche 5 minorenni, quali autori di una serie di rapine in abitazioni e furti, porto abusivo di arma da fuoco e ricettazione.

L’operazione denominata “Milicia Violenta”, è stata condotta questa notte dai Carabinieri della Compagnia di Bagheria, nel corso della quale è stata notificata l’ordinanza emessa dalla Dott.ssa Angela Lo Piparo, G.I.P. presso il Tribunale di Termini Imerese (PA), nei confronti degli odierni indagati.

Le indagini, condotte dai Carabinieri della Compagnia di Bagheria e dirette dalla D.D.A. di Palermo (Dott.ssa Francesca Mazzocco e Dott.ssa Caterina Malagoli) e dalla Procura di Termini Imerese (Dott. Bruno Brucoli e Dott. Francesco Gualtieri), hanno consentito di fare luce su una serie di furti e rapine, anche in abitazioni, commesse nel periodo tra gennaio-aprile 2012, da un gruppo di giovani, che hanno interessato i Comuni di Altavilla Milicia, Trabia e Palermo, contraddistinte da una particolare violenza ed efferatezza negli assalti, nei confronti delle vittime, quasi tutte appartenenti alla cosiddetta  “fascia debole”, anziani soli ed indifesi.

 Secondo gli investigatori un ruolo centrale nella gang che ha compiuto la serie di rapine tra  l'aveva Umberto Guagliardo, arrestato nel maggio 2013 nell'ambito dell'operazione antimafia "Argo" ed attualmente detenuto.

Guagliardo, nel medesimo periodo in cui sarebbe stato picciotto di fiducia del reggente della famiglia mafiosa di Altavilla, si adoperava anche per creare, con il supporto di Vincenzo Urso, una propria banda, con alcuni giovani senza scrupoli provenienti dall'hinterland palermitano, disponibili a rapine e furti per facili guadagni, anche con l'uso di armi.

Una banda violenta che utilizzava anche i bambini come vedette.

Diversi i colpi contestati come quello messo a segno nella tabaccheria in via Del Visone a Palermo commessa il 27 marzo del 2012 da Umberto Guagliardo, Vincenzo Urso, Salvatore Binario, Domenico Geraci (quest'ultimo tratto in arresto in flagranza di reato) e B.S. Minorenne.

La rapina in abitazione commessa ai danni di un anziano di Altavilla Milicia, nel corso della quale alla vittima, minacciata con un coltello, sono stati portati via tre fucili, uno dei quali è stato sequestrato dai militari a Nunzio Di Franco.

Un altro colpo ai danni di un'anziana che sempre di Altavilla Milicia, che era stata scaraventata a terra e minacciata con un coltello, mentre le venivano sottratti gioielli, soldi e buoni fruttiferi. Ancora il furto commesso in abitazione, ai danni di un'anziana signora, nel corso del quale erano stati portati via oggetti di valore e denaro contante. 

   

Bagheria: incendio in pieno giorno in un garage, a fuoco un mezzo pesante

Cronaca

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

alt

L'incendio è scoppiato in pieno giorno intorno alle ore 12 di oggi: in un garage di via Rosmini è andato a fuoco un mezzo utilizzato per il trasporto degli scarrabili. 

Momenti di grande paura per gli occupanti delle abitazioni che sono scesi immediatamente in strada, dove peraltro il  mezzo è stato in parte trascinato, ma per fortuna non si lamentano danni alle persone.

Sono dovute intervenire due autobotti dei vigili del fuoco per domare l'incendio le cui fiamme hanno annerito e  danneggiato la facciata della palazzina dove vive M.P., il titolare dell'impresa.

Presenti sul posto anche due auto di Polizia e Carabinieri.

Non sono state sufficientemente chiarite le cause che hanno determinato l'incendio del mezzo che è andato quasi completamente distrutto.

alt

   

Pagina 1 di 308

la tua web tv

Cronaca - le news più lette

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti