Mercoledì, 20 Agosto 2014
   
Text Size

Nasce a Bagheria il 1° ambulatorio extraospedaliero per la terapia del dolore

Cronaca

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

alt

L'hanno fortemente voluto il dirigente del Distretto sanittario di Bagheria Luigi Lo Giudice, confortato dal sostegno del dr. Antonino Candela, dirigente dell'ASP: un ambulatorio, il primo extraospedaliero nel territorio, per la terapia del dolore; servizi del genere sono già presenti solo presso l'Ospedale civile 'G.Cimino' di Termini Imerese, presso l'azienda sanitaria Cervello-Villa Sofia e presso l'A.R.N.A.S dell'Ospedale civico Palermo.

Un servizio che, una volta avviato,  verrà incontro alle esigenze di migliaia di pazienti che nel territorio hanno necessità di una adeguata terapia del dolore acuto o cronico non oncologico, quindi soprattutto dolori articolari e radicolari.

altVerrà innanzitutto attivato uno 'Sportello del dolore' che rappresenterà un momento di accoglienza e di analisi non solo della sintomatologìa  obiettiva del paziente, ma che potrà comprendere i vari aspetti della malattia e della sofferenza così come percepiti dal soggetto; si farà diagnosi, si individuerà un percorso terapeutico e si valuterà in questa sede l'opportunità di delegare a terze persone, amici o familiari, il carico di decisioni concernenti la patologia.

Il servizio  avrà sede in locali reperiti all'interno del Poliambulatorio di via Mattarella a Bagheria, che sono stati 'specializzati' anche dal punto di vista dell'arredo verso le finalità che ci si propongono,  si avvarrà della collaborazione di un medico anestesista, di un medico rianimatore  e di personale tecnico infermieristico specializzzato in terapia del dolore, che prenderanno in gestione il paziente lungo il corso della varie sedute terapeutiche che potranno prevedere infiltrazioni di antalgici, che saranno però effettuati  con tecnica ecoguidata, o la somministrazione di altra terapia farmacologica.

L'ambulatorio che presenterà tutti gli standard di sicurezza e accoglienza previsti per questo tipo di servizio erogherà prestazioni che potranno essere prenoatate attraverso il C.U.P. ( centro unico prenotazioni) e l'accesso iniziale consisterà in un incontro con il paziente che riferirà della sua storia clinica e successivamente nella programmazione delle sedute terapeutiche cui il paziente dovrà essere sottoposto.

Nelle intenzioni dei proponenti, che presenteranno il progetto in maniera analitica mercoledì 20 agosto alle ore 11.30 presso il Poliambulatorio di Bagheria, il nuovo servizio dovrà rappresentare un vero fiore all'occhiello per la sanità nel nostro territorio.

nella foto di copertina il dott. Luigi Lo Giudice dirigente del Distretto di Bagheria

   

Sequestrati beni per 10.000.000 di euro tra Bagheria Misilmeri Ficarazzi Villabate ad imprenditore -

Cronaca

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

alt

I Carabinieri del Nucleo Investigativo di Palermo, su disposizione della Sezione Misure di Prevenzione presso il Tribunale di Palermo, hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro riguardante tutti i beni, del valore di circa 10 milioni di euro, intestati e riconducibili ad imprenditore vicino a personaggi mafiosi della famiglia di Villabate.

Il provvedimento, finalizzato alla confisca, è stato eseguito nei confronti di Arena Salvatore nato a Catanzaro il 21.10.1960, tratto in arresto nel febbraio del 2009 nell’ambito dell’operazione “Senza frontiere”.

L’attività di indagine aveva evidenziato come Arena Salvatore si era adoperato al fine di attribuire fittiziamente al figlio Marco ed al genero Alaimo Giampiero, entrambi tratti in arresto nella medesima operazione, la titolarità dell’agenzia di scommesse “INTRALOT” sita in Villabate, in realtà riconducibile al reggente della famiglia mafiosa di Villabate D’Agati Giovanni, il quale, con tale stratagemma, aveva tentato di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione.

Arena Salvatore, assolto in secondo grado, dopo una condanna in primo grado ad un anno e 4 mesi di reclusione, è stato raggiunto dall’odierno provvedimento di sequestro in quanto a suo carico la Sezione Misure di Prevenzione presso il Tribunale di Palermo, concordando pienamente con le risultanze investigative, ha riscontrato indizi idonei a dimostrare che i beni costituiscono il reimpiego dei proventi di attività illecite e che le disponibilità finanziarie in capo al proposto non sono compatibili con i redditi dichiarati.

Il predetto provvedimento ha riguardato numerose società e attività commerciali quali il prestigioso “Splendore Atelier” di Villabate ed il noto “Bar del bivio” di Palermo, appartamenti, ville, appezzamenti di terreno, autoveicoli e rapporti bancari.

VAI AL VIDEO

DETTAGLIO SEQUESTRI

- nr. 1 SOCIETA’ CON RELATIVO complesso BENI AZIENDALI ED INTERO CAPITALE SOCIALE, CON SEDE in villabate, avente attivita’ di vendita di abbigliamento;

- nr. 1 impresa individuale e relativo complesso beni aziendali, avente sede in palermo, gestore delle attivita’ connesse al “Bar del bivio”;

- nr. 1 ATTIVITA’ DI bar, ad insegna “BAR DEL BIVIO” sita in Palermo;

- nr. 1 ATTIVITA’ DI rivendita giornali e riviste, all’interno del suddetto “BAR DEl  BIVIO” sita in Palermo;

- NR. 2 VILLINI siti in Ficarazzi (PA);

- nr. 1 villetta sita in Villabate (PA);

- nr. 1 appartamento sito in Villabate (PA);

- nr. 1 appartamento sito in Ficarazzi (PA);

- nr. 1 appartamento sito in Bagheria (pa);

- nr. 1 magazzino sito in Misilmeri (pa);

- nr. 1 magazzino sito in Ficarazzi (pa);

- nr. 1 magazzino sito in Palermo;

- nr. 2 APPEZZAMENTI di terreno siti in Misilmeri (pa);

- nr. 2 APPEZZAMENTI di terreno siti in Ficarazzi (pa);

- nr. 2 autovetture;

- nr. 29 rapporti bancari.

in copertina  foto d'archivio

   

Blitz contro abusivismo commerciale ad Aspra di un Nucleo interforze coordinato dalla Polizia

Cronaca

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 

alt

L'operazione coordinata dal dirigente della polizia di Stato del commissariato di polizia di Bagheria, dottor Francesco Fucarini, è scattata intorno alle ore 20 di sabato sera , quando solitamente in corso Italia il tratto iniziale della litoranea Aspra-Ficarazzi, viene occupato nelle serate prefestive dalle bancarelle di commercianti 'abusivi' spesso extracomunitari, ma non solo.

Una cinquantina di uomini di un gruppo interforze integrato in cui erano presenti venti agenti della Polizia di Stato intervenuti da Palermo con due 'cellulari', oltre ad una decina di operatori del commissariato di P.S. di Bagheria tra agenti e graduati, 14 agenti di Polizia urbana con il loro comandante Costantino Di Salvo, una gazzella ( e non volante come avevamo scritto per precipitazione)  dei Carabinieri ed un mezzo della Guardia di Finanza, hanno bloccato i due accessi del tratto di corso Italia dove avevavno già montato le loro bancarelle gli abusivi ed hanno cominciato ad effetturare i controlli e verifiche.

Naturalmente i piccoli venditori hanno subito cercato di smontare le loro baracche per squagliarsela ed un paio ci sono anche riusciti, ma gli altri, una decina sono stati identificati e sanzionati.

Qualcuno protestava sostenendo che era impossibile cercare di lavorare in regola per la difficoltà di interloquire con la burocrazia degli uffici comunali di Bagheria.

Da sempre la presenza degli abusivi suscita polemiche ad Aspra, e divide l'opinione pubblica, e ne è prova il dibattito che in queste settimane si sta svolgendo sulle colonne del nostro giornale.

'Questo tipo di operazioni che prevedono l'impiego di gruppi interforze integrate - ci ha spiegato il dr.Fucarini, che peraltro in questi giorni ha partecipato anche ai blitz antiabusivi alla Vucciria e nelle piazze della Movida palermitana, non resteranno casi isolati. Intendiamo far passare il messaggio che il rispetto della legalità e la tutela della sicurezza dei cittadini è comunque preminente e deve essere perseguita con rigore e coerenza'.

'Non ci fermeremo quì - ha concluso il dirigente - perchè operazioni come quella di stasera, che fa seguito ad altra effettuata nel centro cittadino di Bagheria verranno ripetute in maniera mirata per ridare fiducia ai cittadini nelle istituzioni'

 

   

E' morto Nicola Lo Coco già sindaco di S. Flavia e appassionato cultore della storia della sua terra

Cronaca

Valutazione attuale: / 3
ScarsoOttimo 

alt

E' morto questo pomeriggio a Porticello all'età di 77 anni, Nicola Lo Coco, inteso Nicolino, sindaco di Santa Flavia per tutti gli anni '90, prima delle due sindacature consecutive di Pietro Sanfilippo. Nicolino era malato da tempo: ai familiari rivolgiamo i sensi del cordoglio di bagheria news.com e del suo direttore Angelo Gargano.

Estroverso, sempre allegro, un entusiasta, un sempre giovane per gli interessi che amava coltivare anche in età matura, la politica e gli studi sulla sua terra soprattutto, un nonnulla per infiammarlo, soprattutto quando si parlava della storia di Solunto e della baronìa di Solanto. Non era un storico dilettante, bensì cultore appassionato e competente della storia straordinaria del territorio di Solunto, Santa Flavia e della Baronìa di Solanto.: non c'era evento che gli sfuggisse, non c'era episodio sia esso economico e culturale della sua comunità che non conoscesse e su sui non avesse approfondito gli studi, anche se è sul tema delle tonnare che le sue ricerche hanno prodotto i risultati più originali e interessanti.

Le tonnare di Solanto soprattutto e di Sant'Elia con le sue ricerche meticolose che lo portarono a scoprire le cosiddette tonnare di terra, allorchè al tempo di Solunto fenicio-punica, poi localizzata a San Cristoforo e nella piana di Sperlinga-Valdina,  l'abbondanza di tonni ne consentiva la pesca direttamente da terra.

Un altro contributo interessante è venuto da un suo libro sulla storia dei primi porticellesi che agli inizi  del secolo scorso andarono ad insediarsi come salatori di pesce nei paesi baschi,ad Ondarroa in particolare, paese gemellato con Porticello.

E poi i suoi studi continui su Solunto prima fenicio-punica e quindi ellenistico-romana, lo vedevano sempre in prima fila nei convegni e e nelle conferenze. Un uomo che ha amato e onorato la sua comunità, con l'impegno politico e l'approfondimento dei saperi e delle conoscenze legate non solo al passato ma anche all'attulità, essendo di fatto uno dei maggiori conoscitori dei problemi e delle normative inerenti la pesca.

I funerali si svolgeranno lunedì alle ore 10.30 presso la Chiesa di Maria SS. del Lume di Porticello

 

   

Pagina 1 di 333

la tua web tv

Cronaca - le news più lette

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti