Cronaca

Sono quattro gli episodi sotto la lente di ingrandimento degli investigatori verificatisi negli ultimi tre-quattro mesi in un quartiere popolare a monte del Corso Umberto tra via Senatore Scaduto e corso Butera, a Bagheria: una pizzeria, “La preferita”, un storico forno a legna (uno degli ultimi tre superstiti a Bagheria), quello di Carmelo Ragusa e poi una macelleria, che non avrebbe presentato denuncia, e un negozio di fiori.

Leggi tutto...

La giunta presieduta dal sindaco Biagio Sciortino ha approvato nella serata di martedì una delibera in cui si manifesta la volontà di uscire dal Coinres e si dà mandato agli Uffici di intraprendere tutti i passi conseguenti e necessari a rendere esecutivo questo orientamento.
Già stamane mercoledì la giunta è tornata a riunirsi
per formalizzare meglio l'atto amministrativo.
La nostra impressione è che il documento possa avere solo il valore di una manifestazione di volontà, e che sia privo di qualsiasi efficacia, oltre che palesemente carente di valore legale e di legittimità.

Leggi tutto...

Non è una battuta di cattivo gusto, né un presagio infausto: è semplicemente quello che viene fuori da una lunga chiacchierata telefonica con il direttore generale del Coinres, Riccardo Incagnone.
La discussione è costellata da cifre che prefigurano il disastro che avremo di qua a Natale, che, anziché sotto la neve , trascorreremo sotto i rifiuti.

Leggi tutto...

Un primo sia pure parziale risultato è stato ottenuto dalle centinaia di cittadini-utenti che ritengono di essere stati destinatari da parte dell’APS di bollette salate, anomale o emesse irregolarmente.
Da quando, tre settimane fa è iniziata la protesta, l’ufficio del difensore civico di Bagheria Giorgio Castronovo, è diventato il punto di riferimento per quegli utenti che si sono ritenuti danneggiati da importi esosi e ingiustificati.

Leggi tutto...

Altri articoli...