Lunedì, 26 Gennaio 2015
   
Text Size

scopri le offerte in ParaFarmacia

Attività di prevenzione e repressione della Polizia di Stato a Bagheria: due arresti

Cronaca

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 

alt

Come ormai accade da qualche tempo, coadiuvati da pattuglie del Reparto prevenzione crimine provenienti da Palermo, unità del Commissariato di Pubblica sicurezza di Bagheria, hanno proceduto ad una vasta azione di controllo del territorio, mirante ad individuare oltre che violazioni del codice della strada, anche eventuali violazioni del regime di misure di limitazione della libertà personale.

Sono stati identificati 140 soggetti ed oltre 80 autoveicoli, 3 autovetture  e 2 motoveicoli sono stati sequestrati per mancanza della copertura assicurativa del mezzo e per guida senza casco , e sono state leevate circa 30 contravvenzioni.

Sono state altresì controllati 25 persone sottoposte a misure limitative della libertà personale.

In questo contesto sono stati eseguiti due provvedimenti di arresto per sentenze passate in giudicato: in particolare si è rpoceduto all'arresto di Pirrotta Giovanni di 34 anni, per una condanna definitiva ad 8 mesi per i reati di furto, e di Franzino Ciro, 70 anni, condanna definitiva a mesi 6per sottrazione di merce sottoposta a sequestro giudiziario; a quest'ultimo sono stati concessi il regime dei domiciliari.

 

   

Operazione 'Aquarium': i Carabinieri eseguono 16 ordinanze di custodia tra Termini e Palermo I NOMI

Cronaca

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

alt

C'è anche una bagherese, Antonella Vitale, tra le 16 misure di custodia cautelare (di cui 3 in carcere e 13 agli arresti domiciliari) eseguite sin  dalle prime ore del mattino, in Palermo e Termini Imerese, dai militari della Compagnia di Termini Imerese e del Gruppo di Monreale, coadiuvati da quelli del Gruppo e del Nucleo Radiomobile di Palermo, con il concorso del 9° Elinucleo; oltre alle ordinanze di custodia ci sono anche di 5 misure cautelari dell’obbligo di presentazione alla Polizia Giudiziaria.

I  provvedimenti sono stati emessi dal GIP del Tribunale di Termini Imerese su richiesta della locale Procura, nei confronti di altrettanti indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, furto aggravato e ricettazione in concorso, estorsione, rapina impropria e detenzione abusiva di armi.

Le indagini, avviate nel dicembre 2012 e condotte dal Nucleo Operativo della Compagnia di Termini Imerese, hanno consentito di delineare le responsabilità penali di diversi soggetti. In tale contesto, si accertava:

- l’operatività di quattro gruppi indipendenti di giovani dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti del tipo “hashish” e “cocaina”, operanti nei territori di Termini Imerese e Palermo, nonché di alcuni “grossisti della droga” dai quali gli stessi si approvvigionavano della sostanza stupefacente necessaria per soddisfare i loro utenti; nel corso delle attività investigative sono state arrestate in flagranza di reato 6 persone, altre 10 segnalate ex art. 75 D.P.R. 309/90 all’Autorità competente, sequestrate sostanze stupefacenti pari a 20 gr. di “cocaina” e 150 gr. di “hashish”, nonché la somma di denaro contante di 1.000 euro;

- l’esistenza di un sodalizio criminale specializzato nei furti presso esercizi commerciali e nella contestuale ricettazione della merce trafugata;

- la commissione di diversi furti con strappo, trasformatisi in talune circostanze in rapine, operati a danni di anziani di Termini Imerese;

- due casi di “cavallo di ritorno”, ai danni di soggetti vittime di furto di motocicli, successivamente restituiti dietro compensi in denaro.  

In carcere sono finiti Giuseppe Virzì, detto Ivan, 39 anni, Salvatore Augusta, 45 anni, Giuseppe Augusta, 22 anni.

Agli arresti domiciliari  Antonella Vitale, 31 anni, Mario Cangelosi, 36 anni, Orazio Cefalù, 25 anni.   Paolo Genovese, 28 anni, Giuseppe Di Maria, 57 anni, Francesco Duca, 26 anni,  Gianluca Fasone, 36 anni, Francesco Gazzano, 27 anni, Maria Lauretana Governara detta “Valentina”, 27 anni, Rosa Mantia, 25 anni, Carmela Scarcipino Pattarello, 45 anni, Rosario Cozzo, 26 anni, 

Hanno l’obbligo di presentarsi alla polizia giudiziaria. Salvatore Boscarino, 21 anni, Dario Cilfone, 28 anni, Agostino Contino, 30 anni, Silvio Giuseppe Napolitano, 20 anni, Alessio Napolitano, 22 anni, 

 

 

   

Tre auto a fuoco nella notte a Bagheria

Cronaca

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 

alt

Le auto si trovavano parcheggiate all'altezza del civ. 163 di via Città di Palermo, ed erano di proprietà della famiglia dell'avvocato Rosalia Zarcone, uno dei penalisti più noti a Bagheria: proprio l'altro ieri, e ne davamo notizia tra le brevi, due suoi assistiti, i buttafuori bagheresi, Gaspare Ribaudo ed Emanuel Rughoo Tejo, arrestati il 31 ottobre scorso, perchè accusati di estorsione erano stati scarcerati perchè le prove erano state ritenute dal GIP, Roberto Riggio, insufficienti per giustificare la detenzione in carcere.

L'incendio è scoppiato poco prima delle ore cinque di stamane e sono immediatamente accorsi i vigili del Fuoco, Polizia e Carabinieri, che hanno temporaneamente interrotto il traffico: lo scoppio in rapida sequenza  di due pneumatici ha allertato alcuni residenti nella zona che sono scesi in strada.

Le auto sono una Ford Fusion, ed una Mini Cooper che sono andate completamente distrutte dalle fiamme, mentre un altra auto nella disponibilità della famiglia Zarcone una BMW 180 S che si trovava parcheggiata dall'altro lato dell'arteria è rimasta seriamente danneggiata all'interno, probabilmente perchè è stato versato dentro del liquido infiammabile.

Gli inquirenti non nutrono dubbi sulla natura dolosa del gesto per una serie di elementi inequivocabili.

   

Bagheria: la Polizia arresta tunisino per resistenza e detenzione di marijuana

Cronaca

alt

Tutto è partito da un litigio con la propria compagna che ha costretto la donna N.L. di 38 anni, vistasi con le spalle al muro, a richiedere l'intervento della Polizia in via Cesareo: ma entrando in casa di Amhri Badeddrin. tunisino di 35 anni, gli agenti hanno subito notato che dentro uno stanzino dell'abitazione, trasformato in serra, veniva coltivata marijuana; ne hanno trovato dieci piante dell'altezza di circa 30 cm, oltre a materiale vario che veniva usato per la coltivazione in serra dello stupefacente.

L'uomo ha cercato di opporsi al sequestro della droga facendo resistenza nei confronti degli agenti del locale Commissariato che, a questo punto, lo hanno  arrestato con l’accusa di resistenza a pubblico ufficiale, detenzioni di sostanzea stupefacente e  lesioni.

Gli agenti sono stati costretti a farsi refertare presso il locale Pronto soccorso per le ferite riportate, mentre l’uomo è stato processato per direttissima.

 

   

Pagina 9 di 363

Cronaca - le news più lette

Sponsor

Sponsor

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti