Mercoledì, 30 Luglio 2014
   
Text Size

scopri le offerte in ParaFarmacia

Quattro arresti dei Carabinieri per una rapina a Cefalù: coinvolto un bagherese

Cronaca

alt

Tre rapinatori che nell’ottobre 2012 avevano realizzato una rapina nella campagna cefaludese presso una villa di una coppia di anziani di 79 e 71 anni, sono stati arrestati dai Carabinieri della Stazione di Cefalù.

I rapinatori VITRANO Alessandro, di 26 anni palermitano, V.g. di 38, B.j. una 23enne, sono stati incastrati dal D.N.A. lasciato su dei mozziconi di sigarette.

I militari della locale Stazione dell’Arma, accorsi sulla scena del crimine, avevano effettuato unitamente a personale del Nucleo Operativo della Compagnia di Cefalù, un attento sopralluogo, rinvenendo e repertando una serie di elementi fondamentali ai fini dell’indagine: impronte digitali e mozziconi di sigarette.

L’accurato e scrupoloso repertamento degli elementi a carico dei sospetti ha permesso alle successive analisi, effettuate dagli esperti del R.I.S. - Reparto Investigazioni Scientifiche Carabinieri - Sezione Biologica di Messina, di estrarre dei profili genetici.

Le costanti indagini dei Carabinieri della Stazione di Cefalù hanno permesso di identificare inizialmente due degli autori della rapina e successivamente anche il terzo, la donna. Il test del DNA unitamente ad altre risultanze investigative hanno definitivamente confermato la responsabilità dei sospetti.

Il G.I.P. di Termini Imerese dopo aver acquisito le complesse risultanze investigative fornite dai Carabinieri nel corso delle minuziose indagini coordinate dalla Procura della Repubblica della sede, ha emesso due ordinanze di custodia cautelare in carcere e due di arresti domiciliari con l’applicazione del braccialetto elettronico. L’ultima misura, tra l’altro, è stata emessa a carico di una quarta persona SAVOCA Giuseppe di 41 anni, che sebbene estranea ai fatti iniziali dalle indagini effettuate, avrebbe utilizzato parte dei proventi della rapina in danno alla coppia di anziani, ovvero dei telefoni cellulari sottratti alle vittime per non far loro chiamare i Carabinieri.

A distanza di mesi i rapinatori erano ormai sicuri di averla fatta franca, e mai avrebbero pensato di ritrovarsi i Carabinieri a casa per essere arrestati proprio per quella rapina.

L’arresto è però scattato martedì mattina a Bagheria, e ha visto partecipare i militari della Compagnia di Cefalù e della Compagnia di Bagheria, con l’impiego di circa 30 uomini. 

   

Stipendi gonfiati al comune di Palermo:11 ordinanze di custodia cautelare per gli impiegati (I nomi)

Cronaca

alt

I Carabinieri del Comando Provinciale di Palermo stanno eseguendo da stamattina una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal GIP del Tribunale di Palermo su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 11 persone, dipendenti CO.I.M.E. del Comune di Palermo, ritenute responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al peculato, falso e accesso abusivo a sistema informatico.

Le indagini, avviate nel 2011 dai Carabinieri della Sezione di Polizia Giudiziaria della Procura della Repubblica, hanno consentito di documentare un complesso meccanismo che permetteva agli indagati di conseguire somme di denaro non dovute attraverso la modifica e/o alterazione delle buste paga.

Ferie truccate, voci in più in busta paga, buoni pasto anche a pensionati e persone decedute e indennità per il lavoro notturno anche a chi lavorava solo di giorno. A poco più di tre anni dallo scandalo sugli stipendi gonfiati al Coime, la procura ha chiesto e ottenuto l’emissione di undici ordinanze di custodia cautelare nei confronti di altrettanti dipendenti e funzionari del Comune di Palermo, ritenuti responsabili a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata al peculato, falso e accesso abusivo a sistema informatico.

SOGGETTI SOTTOPOSTI ALLA CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE:

1. CHINNICI ANTONINO, NATO A MILANO IL 24 DIC 1961;
2. CENTINEO FRANCESCO, NATO A PALERMO IL 15 SET 1957;
3. POLLARA MARIA ROSARIA, NATA A PALERMO IL 7 OTT 1961;
4. CUCINELLA ANDREA, NATO A PALERMO IL 25 SET 1950.

SOGGETTO SOTTOPOSTO AGLI ARRESTI DOMICILIARI:

5. VENTURA ANTONIO, NATO A PALERMO IL 6 APR 1962.

SOGGETTI SOTTOPOSTI ALLA MISURA INTERDITTIVA DELLA SOSPENSIONE DAL PUBBLICO UFFICIO PRESTATO PRESSO IL COMUNE DI PALERMO:

6. BORRELLO SALVATORE, NATO A PALERMO IL 5 AGO 1953;
7. CARRAMUSA GIOVANNI, NATO A PALERMO IL 4 GIU 1960;
8. VAINOLO RAFFAELE, NATO A PALERMO IL 30 GIU 1954;
9. SANTORO RODOLFO, NATO A PALERMO IL 6 MAR 1958;
10. FIORENTINO GAETANO, NATO A PALERMO L’8 MAG 1950;
11. PRESTER ANTONINO, NATO A PALERMO L’11 SET 1965. 

   

S,Flavia: entra nella stanza del sindaco, si cosparge di benzina e minaccia di darsi fuoco

Cronaca

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

alt

Poco più di un'ora fa un disoccupato G.C, di 40 anni, è entrato con una bottiglia di benzina  nella stanza del sindaco di Santa Flavia, Salvatore Sanfilippo, e in maniera visibilmente alterata si è cosparso addosso il liquido infiammabile, dicendo che si sarebbe dato fuoco se non gli veniva garantito un lavoro per sopravvivere.

Il sindaco Salvatore Sanfilippo, mentre scattava l'allarme, ha cercato di dissuadere l'uomo dall'insano gesto; nel frattempo accorrevano i Carabinieri della locale stazione, l'ambulanza del 118 ed infine i Vigili del fuoco, che sono però arrivati, quando la vicenda si era quasi già conclusa.

L'uomo riferiva al sindaco di non potere più campare lui e la sua numerosa famiglia, moglie e quattro figli, con un reddito di 500 euro al mese, ed aveva assoluto bisogno di lavorare; aveva fatto domanda per i cantiere di lavoro che dovrebbero partire a giorni, ma era risultato essere il 57° in graduatoria, con poche speranze quindi di potere essere avviato al lavoro.

Il sindaco Sanfilippo è riuscito a riportarlo alla ragione, promettendogli che qualora si apriranno delle opportunità nei lavori socialmente utili, la sua situazione sarebbe stata presa in considerazione, ed i Carabinieri intervenuti hanno proseguito l'opera di convincimento, dopo di che lo hanno accompagnato in caserma, prodigandosi anche di procurare alla famiglia generi di conforto.

   

Droga ed estorsioni a Palermo: 16 arresti allo Zen

Cronaca

Valutazione attuale: / 1
ScarsoOttimo 

alt

Il recordman degli arresti torna di nuovo in cella. Guido Spina, classe 1965, nonostante si trovasse arresti domiciliari avrebbe retto il clan mafioso dello Zen. Anzi, proprio la sua condizione di detenuto in una bella villa sarebbe diventata la chiave per ottenere rispetto e potere. Assieme a Spina, indicato come il referente mafioso del popolare rione palermitano, sono finite in manette altre sedici persone. Tutte raggiunte da un'ordinanza di custodia cautelare.

Per Spina stavolta la faccenda giudiziaria si complica. Perché gli uomini della Direzione investigativa antimafia gli contestano di essere il referente di Cosa nostra tra i padiglioni del quartiere. In carcere c'è già finito una dozzina di volte. Ed è sempre andato ai domiciliari per gravi motivi di salute. Di lui finora si era detto che era l'uomo della droga, pronto a reggere le redini dei traffici di cocaina e hashish fra la Sicilia e la Campania.

E di recente avrebbe fatto le cose in grande stile. La sua villa dello Zen era diventata una “roccaforte” dei traffici. Un supermarket della droga all’ingrosso e al dettaglio protetto dai più sofisticati sistemi di sicurezza, violati dall'intelligence degli investigatori agli ordini del capo centro Giuseppe D'Agata e del direttore nazionale della Dia, Arturo De Felice.

Non solo droga a fiumi, però, ma anche estorsioni. Sono diversi i commercianti e gli imprenditori che hanno pagato il pizzo. E non si tratta solo di attività che operano tra i padiglioni del quartiere. Così come la messa a posto sarebbero stati costretti a pagarla i residenti delle case popolari. Un obolo in cambio dei servizi primari, per vivere in condizioni dignitose. I soldi, assieme ai proventi delle estorsioni agli operatori commerciali, alimentavano la cassa della famiglia. Perchè Spina sarebbe diventato il personaggio più affidabile, uno a cui affidare il delicato compito di provvedere alle esigenze economiche degli affiliati finiti in carcere e dei familiari rimasti fuori. Perché la regola del mutuo soccorso in Cosa nostra vale sempre.

Maggiori dettagli saranno saranno resi noti in mattinata nel corso di una conferenza stampa alla presenza del procuratore della repubblica, Francesco Messineo, degli aggiunti Maria Teresa Principato e Vittorio Teresi, e di Arturo De Felice.

tratto da live sicilia.it 

   

Pagina 9 di 331

la tua web tv

Cronaca - le news più lette

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti