Il forte vento di scirocco che da stamane soffia sulla Sicilia, sta provocando una serie di disagi anche a Bagheria: sono già quasi  una decina gli interventi che stanno effettuando o hanno già effettuato i Vigili del fuoco con la collaborazione del personale comunale e della Forestale: diversi gli alberi sradicati o i rami spezzati che hanno creato problemi al traffico.

In via Orazio Costantino, nell'area del cimitero, presso lo svincolo autostradale, sulla S.S.113, e sulla provinciale n °16 dove, subito dopo l'innesto sulla circonvalazione est, un grosso albero caduto ha bloccato il traffico.

 Per il forte vento un albero è caduto sulla corsia dell'autostrada A19 Palermo-Catania, prima dello svincolo di Villabate, in direzione del capoluogo etneo. Un'auto è stata presa in pieno, ma  il conducente è rimasto illeso. Sul posto dove è intervenuto personale dell'Anas si è creata una lunga fila. 

Non solo alberi o rami spezzati, ma anche tabelloni pubblicitari divelti sempre a Bagheria nella zona dello svincolo autostradale e addirittura un serbatoio d'acqua oltre ad alcune tegole sistemate sul tetto di una abitazione in via Città di Palermo sono volati via provocando, per fortuna, solo una grande paura.

Il Liquidatore e Rappresentante legale del Co.In.R.E.S. Ing. Roberto Celico ha disposto l’immediata sospensione dal lavoro dei due dipendenti che lo scorso 24 gennaio sono stati arrestati in provincia di Catania per il tentativo di furto di carburante dagli autocompattatori loro affidati.

Un provvedimento doveroso – afferma Celicoin presenza di una grave azione perpetrata contro la pubblica amministrazione. Si rimane in attesa di notizie ufficiali in merito all’esito della vicenda giudiziaria e non si escludono ulteriori drastici provvedimenti".

Inoltre Celico dichiara che "il Co.In.R.E.S. si costituirà parte civile contro chiunque abbia leso i diritti soggettivi e gli interessi legittimi del Consorzio ivi compreso il danno d'immagine”.

Questo il comunicato diffuso da un Ufficio stampa che rimanda al Coinres.

Ricordiamo che i due autisti, M. B. nato a Bagheria, classe 1978, ivi residente e R. A. nato a Palermo, classe 1967, residente a Bagheria, erano stati dichiarati in arresto mentre muniti di tubi e bidoni in plastica stavano cercando di asportare il gasolio dai due autocompattatori.

Il giudice nel rito abbreviato svoltosi al Tribunale di Catania avevano riconosciuto le loro responsabilità e patteggiato una pena di quattro mesi.

L'indagine dei CC. di Bagheria va avanti per accertare altre eventuali responsabilità.

Una piccola azienda artigianale dove venivano fabbricati e lavorati orologi ed accessori di pregio riportanti i loghi di note firme abilmente contraffatti, è stata scoperta dai militari del Gruppo Pronto Impiego della Guardia di Finanza di Palermo in una stabile della centrale Via Roma, nei pressi del quale alcune segnalazioni pervenute al numero di pubblica utilità 117 del Comando Provinciale di Palermo avevano segnalato alcuni movimenti sospetti, non meglio specificati.

Dopo avere tenuto sotto osservazione per alcuni giorni lo stabile, i “baschi verdi” sono entrati per una mirata ispezione, concentrando la loro attenzione nell’atrio, dove una scala celava l’ingresso ad un vano non facilmente visibile, all’interno del quale un soggetto, poi identificato in un palermitano di 53 anni, era intento alla lavorazione di alcuni orologi ed aveva organizzato un vero e proprio laboratorio artigianale.

Riscontrata l’assenza di ogni autorizzazione, i militari hanno approfondito l’ispezione, scoprendo la giacenza di numerosi oggetti di lusso, quali orologi ROLEX©, CARTIER© e TAG HEUER©, e penne MONT BLANC© tutti con i loghi contraffatti, oltre alla presenza di diversi strumenti utilizzati per la fabbricazione illecita del materiale, quali pinze e cacciaviti.

Tutti i prodotti illeciti, per circa 50 pezzi, sono stati sottoposti a sequestro mentre il responsabile è stato denunciato “a piede libero” all’Autorità Giudiziaria per contraffazione e ricettazione.

GdF Palermo

Stavolta il facile obiettivo dei ladri, che, come pensano ormai tutti, sono la longa manus di qualcuno che ha in testa un disegno ben preciso, anche se non è sinora chiaro quale possa essere, sono stati gli uffici comunali di piazza Indipendenza che ospitano l'assessorato ai Lavori pubblici, ma soprattutto il S.I.T.R., sistema informativo territoriale regionale.

Quest'ultimo è lo snodo fondamentale di quanto afferisce alle attività di progettazione e di realizzazione di opere pubbliche dell'amministrazione.

Ieri sera intorno alle ore 23 è scattato l'ennesimo furto di computer nelle sedi comunali: i ladri sono comodamente saliti da un corpo basso che si trova nel retro, ma a ridosso degli uffici e che ospita una centralina telefonica di Tele tu; dopodichè  dal tetto e attraverso la finestra di un bagno non protetta da grate, sono penetrati negli uffici, cominciando a razziare memorie centrali dei computer e altri pezzi.

Hanno anche scassato una macchinetta automatica che distribuisce caffè e emerendine rubando la cassa.

Di computer ne avevano accumulati ben sei pronti per essere trafugati, e li avevano sistemati proprio sul tetto dell'edificio che ospita la centralina telefonica, quando qualcosa, per i ladri, è andato storto.

Forse avvisati da qualche abitante della zona è arrivata  la volante della Polizia che ha sorpreso due giovanissimi di corporatura minuta che già stavano probabilmente per trasferire i computer su un mezzo: è iniziato immediatamente l'inseguimento, ma uno dei poliziotti, B.R., proprio di fronte alla pizzeria 'L'aratro' a causa dell'asfalto reso viscido dalla pioggia, è caduto andando a sbattere con violenza sul bordo del marciapiede e procurandosi ferite che ne hanno reso necessario il ricovero presso l'Ospedale Civico di Palermo dove è stato operato per una frattura al setto nasale, lesioni al capo e ad una spalla.

Sono arrivate altre auto in soccorso e sono stati recuperati tutti i computer, ben sei  ed il materiale, tra cui due schermi, pronto per essere trafugato: parte del materiale si trovava ancora sul tetto della centralina telefonica, stoccato e pronto per il trasbordo, anche se va detto che la polizia non ha rinvenuto nelle immediate vicinanze auto sospette, per cui si fa anche l'ipotesi che i due attendessero un complice.

altStamane, mentre naturalmente continuano le indagini per identificare i malviventi, le apparecchiature saranno restituite al comune.

Il sindaco Vincenzo Lo Meo recatosi immediatamente in piazza Indipendenza, continua a manifestare senza mezzi termini la sua opinione: ' Si tratta di furti mirati che hanno l'obiettivo di mettere in ginocchio l'amministrazione  per impedirle di amministrare'.

In effetti questi furti di computer, l'ultimo dei quali la scorsa settimana presso gli uffici di ragioneria, recano sempre più r l'impronta di chi voglia mettere le mani, non solo sui computer, ma su quanto in essi custodito.

Ricordiamo che da un anno a questa parte ben sei sono stati gli obiettivi dei ladri: gli uffici dell'urbanistica, della solidarietà sociale, delle imposte, degli uffici legali, di ragioneria ed ieri sera Lavori pubblici.

Il prossimo obiettivo? qualcuno stamane mormorava a bassa voce che il prossimo colpo potrebbe essere a  palazzo Butera. 

 

nella foto di copertina: l'edificio che ospita gli uffici comunali in piazza Indipendenza

nella foto interna: la via utilizzata dai ladri per penetrare nell'edificio

 

Altri articoli...

Analisi cliniche - Chemilab (2)

Chi è Online PAGE

Abbiamo 993 visitatori e nessun utente online

Meteo

Cloudy

22°C

Bagheria

Cloudy
Friday
Partly cloudy
19°C / 25°C
Saturday
Thunderstorms
17°C / 25°C
Sunday
Thunderstorms
18°C / 26°C
Monday
Mostly sunny
18°C / 25°C