Sabato, 20 Settembre 2014
   
Text Size
lafonte

Ritrovati al supermercato 'il centesimo' una bottiglia di benzina, dei fili e dei fiammiferi

Cronaca

alt

Ha aperto le saracinesche appena una decina di giorni fa, il supermercato  "Il Centesimo" di via G. Bagnera prolungamento di via Città di Palermo a Bagheria, e già stamane i dipendenti che iniziano la loro attività prima dell'apertura al pubblico hanno avuto la sgradita sorpresa di trovare sistemati all'esterno accanto ad una saracinesca, dei fili collegati a "qualcosa" che li ha messi in allarme.

Immediatamente informati Polizia e Carabinieri sono subito accorsi assieme al gruppo della "Scientifica" per capire meglio di cosa si trattasse.

In realtà c'era una bottiglia di benzina, con dei fiammiferi a ridosso della saracinesca.

Il supermercato "Il centesimo" in questi primi giorni di apertura aveva visto uno straordinario afflusso di clienti in considerazione anche dei prezzi promozionali particolarmente convenienti per i consumatori.

Un gesto inconsulto della concorrenza o mafia del pizzo? I Carabinieri indagano

   

Inquietante episodio stamattina a Santa Flavia: lanciarazzi esplode dentro un cassonetto rifiuti

Cronaca

Valutazione attuale: / 2
ScarsoOttimo 

alt

Un episodio i cui contorni debbono essere ancora chiariti è avvenuto stamattina a Santa Flavia: pare, stando alle prime notizie, che mentre il camion addetto alla raccolta stava svuotando i cassonetti dei rifiuti in via Giovanni Falcone appena dopo il crocevia che conduce al parco archeologico di Solunto, non è ancora chiaro se ignoti lo abbiano lanciato , o se sia stato solo trovato, dentro un cassonetto un lanciarazzi, probabilmente di quelli usati nelle imbarcazioni.

AGGIORNAMENTO

Abbiamo approfondito le prime notizie e abbiamo appreso cosa sia realmente accaduto: intorno alle sette di questa mattina gli operatori dell'autocompattatore di servizio a Santa Flavia proprio nel momento in cui stavano svuotando i cassonetti dentro il grosso mezzo, hanno avvertito una esplosione.

Hanno capito subito che ad esplodere era stato un razzo di segnalazione.

Immediatamente hanno sospeso l'operazione e  hanno scaricato la spazzatura per terra nel timore, poi rivelatosi fondato, che c'è ne potessero essere altri.

In effetti è stato trovato un altro lanciarazzi, appunto di quelli in uso sulle imbarcazioni per le segnalazioni in mare, la cui data di scadenza è Ottobre 2012.

Sono stati pertanto allertati gli artificieri per la "bonifica" della spazzatura scaricata per terra.

Può darsi che l'episodio si inquadri nel clima di paura e di psicosi diffusosi dopo i fatti di Brindisi, ma non si esclude che possa trattarsi di un "segnale" di altra natura.

Sono intervenuti i Carabinieri della locale stazione che stanno accertando le modalità e l'eventuale matrice e significato del gesto.

   

E Massimo Giletti su Rai 1 torna sulla vicenda di Michele Aiello

Cronaca

Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

alt

Domenica 20 maggio il conduttore dell'Arena, Massimo Giletti, il contenitore di informazione all'interno del programma domenicale di RAI uno  Domenica in...è tornato a parlare dell'ingegnere bagherese Michele Aiello, già titolare della clinica Santa Teresa, e condannato per mafia.

Ha colto l'occasione durante la presentazione di Claudio Martelli, già vicesegretario del PSI e ministro della Giustizia, e rivolgendosi direttamente al Ministro della Giustizia, Paola Severino, ha ricapitolato la vicenda aggiungendo alcuni "imbarazzanti" particolari.

Ricorderanno gli ascoltatori - ha detto Giletti- che Michele Aiello aveva ottenuto un differimento della pena, (sta infatti scontando una opena di 14 anni di reclusione n.d.r.) e quindi la concessione della detenzione a domicilio, per un grave problema di favismo, incompatibile stando alla sentenza dei giudici di sorveglianza dell'Aquila con lo stato di detenzione carceraria che prevedeva nella dieta "abbondanza" di fave e piselli.

A questo punto il conduttore ha tirato fuori una serie di notizie di cui -ha detto- mi assumo la piena responsabilità, perchè rigorosamente verificate.

In poche parole l'ing. Aiello, stando a quanto ha detto Giletti, in carcere non si faceva mancare proprio nulla.

Ha proseguito infatti Giletti: " Ci risulta che Aiello, abbia speso da 80 a 100 euro la settimana per farsi arrivare in carcere cibi di vario genere, dalla cioccolatta al prosciutto ai gamberetti, dalle lenticchie al pesce fresco ben confezionato; non solo - ha proseguito Giletti- ma l'ingegnere Aiello che sappiamo soffre di una patologia polmonare si farebbe recapitare in cella sigari, e quattro o cinque pacchetti di sigarette a settimana."

Per questo - ha concluso Giletti - chiediamo ancora una volta al ministro della Giustizia Paola Severino che sinora non ci ha degnato di una risposta di far sapere agli italiani, su come stanno veramente le cose circa una decisione che a dire il vero ha suscitato parecchie perplessità non solo nell'opinione pubblica, ma anche e soprattutto tra gli addetti ai lavori.Aspettiamo quindi una risposta.

Non sono infatti sfuggite sull'argomento le dure prese di posizione di Nino Di Matteo, della Direzione Distrettuale antimafia e di altri esponenti della magistratura

   

Per l'ex CdA dell'AMIA al falso in bilancio si somma anche l'accusa di bancarotta fraudolenta

Cronaca

alt

Una nuova tegola sulla testa degli ex-amministratori dell'Amia, a partire dall'ex presidente sen. Enzo Galioto al direttore generale Orazio Colimberti e agli altri componenti nel tempo il CdA dell'azienda , e tra questi gli altri due bagheresi, oltre allo stesso Galioto, e cioè Angelo Canzoneri e Vincenzo Gargano.

Il p.m. Carlo Marzella agli indagati ha notificato il provvedimento di chiusura delle indagini in cui si ipotizza il reato di bancarotta fraudolenta, oltre a quello già contestato di falso in bilancio che ha già portato ad alcune condanne.

Il motivo dell'accusa risiede, oltre che negli accertati falsi in bilancio che ascenderebbero a 61 milioni di euro,  nella allegra gestione dell'Amia nel epridodo che è andato dal 2002 al 2008.

In particolare sotto il mirino è finita la missione negli emirati arabi degli allora presidente e direttore generale Galioto e Colimberti, ed altre spese pazze in un momento in cui la città di Palermo era ricoperta dai rifiuti

Adesso gli indagati hanno sessanta giorni per presentare le loro controdeduzioni dopodichè il p.m. deiderà se chiedere o meno il rinvio  a giudizio per un reato, quello di bancarotta appunto, che prevede, se provato,  una pena da tre a dieci anni

   

Pagina 189 di 339

la tua web tv

Cronaca - le news più lette

areavisiva

IDEA VIDEO editore  -  P.I.: 05704000826

Bagherianews.it - Portale informativo su Bagheria e il territorio. Registrazione Tribunale di Palermo n. 27 del 21/05/2008.  Direttore Responsabile: Angelo Gargano | Capo Redattore: Lorenzo Gargano  | Redattrice: Marina Galioto.
Tutti i diritti riservati. La riproduzione totale o parziale di tutti i contenuti, foto e video, in qualunque forma, su qualsiasi supporto e con qualunque mezzo è proibita -
Web Master e Design
- Paolo Bonanno - www.areavisiva.com

Accesso utenti