Market della droga a Casteldaccia

Market della droga a Casteldaccia

cronaca
Typography


Avevano messo su ormai da molto tempo una vera e propria azienda a conduzione familiare dedita al traffico di stupefacenti, in particolare hashish, che riusciva a coprire il fabbisogno di tutto l’hinterland bagherese.

Per questo nelle scorse ore i carabinieri del nucleo operativo della compagnia di Bagheria e della stazione di Casteldaccia hanno denunciato in stato di libertà 6 soggetti, ed arrestato 9 persone, tra cui tre minorenni.
Tra questi, i pluripregiudicati tutti residenti a Casteldaccia, Raffaele Armanio, Marco Calabrese, Mario Aiello, Maurizio Pecoraro, Salvatore Di Paola e Giuseppe Sanfilippo.

A capo del gruppo criminale il "pater familias", come recita appunto il nome dell’operazione odierna, Ignazio di Paola, pluripregiudicato di Casteldaccia, deceduto a luglio, dopo aver avviato insieme con la moglie, i figli e il genero l’attività malavitosa che prevedeva la vendita della droga direttamente nella sua abitazione o in una sala giochi del paese.

A sconvolgere però gli inquirenti, il fatto che tra i diversi parenti ingaggiati nel traffico della droga vi erano adolescenti e addirittura un bambino, nipote del Di Paola, di soli 8 anni, impiegato come gli altri per distribuire lo stupefacente per strada.
Era proprio il capo famiglia comunque ad occuparsi di acquisire lo stupefacente a Palermo, tagliarlo e confezionarlo, mentre la moglie e la figlia gestivano i conti e i restanti membri del nucleo familiare, aiutati da alcuni conoscenti, si occupavano dello spaccio. E’ stato proprio lo strano flusso di giovani che soprattutto nel fine settimana si recava presso l’abitazione degli arrestati però, col tempo, ad alimentare i sospetti dei militari permettendo loro così di avviare le indagini, coordinate dai sostituti procuratori Rosa Caramia della procura di Termini Imerese e Caterina Bartolozzi della procura della repubblica dei minori di Palermo.
Nell’ambio dell’operazione odierna poi sono state anche segnalate alla prefettura di Palermo una sessantina di persone, tra cui molti minori, quali assuntori di sostanze stupefacenti.


  Di Paola Ignazio (deceduto a luglio)

  Carlo Di Natale           Di Paola Salvatore            Aiello Mario

  Armanio Raffaele       Calabrese Marco        Gebbia Felice