Bagheria: si rifiutano di comprare i biglietti di una "riffa", 2 dipendenti di un cinema aggrediti a calci e pugni da 3 balordi

cronaca
Typography

Gli agenti del commissariato di Bagheria sono intervenuti ieri in un Cinema di Bagheria, dove 2 dipendenti sono stati aggrediti da alcuni balordi che volevano vendergli i biglietti di una "riffa".

L'allarme è stato lanciato al 113 dove veniva comunicata un' aggressione in corso a calci e pugni da parte di tre uomini ai due dipendenti del cinema. Gli agenti una volta giunti sul posto hanno trovato uno dei due malcapitati dipendenti con il giubbotto strappato e il volto tumefatto.

L'uomo ha raccontato agli agenti di essere stato colpito ripetutamente perché si era rifiutato di acquistare i biglietti di una "riffa" natalizia: i tre gli si sarebbero avventati contro, colpendolo con schiaffi al volto e calci nelle gambe. Lui ha tentato di ripararsi dietro al bancone, ma niente da fare, gli aggressori sono tornati alla carica, sferrando i colpi anche contro gli arredi e la merce in vendita all'ingresso del cinema. Gli agenti hanno così avviato le ricerche degli aggressori e rintracciato grazie alla testimonianza della vittima, tre fratelli pregiudicati, accusati di tentata estorsione aggravata in concorso.

Si tratta di Rocco, Maurizio e Stefano Croce, rispettivamente di 38, 34 e 31 anni. I primi due sono stati rintracciati nella loro abitazione, il terzo è stato bloccato dagli agenti per strada. Per i tre si sono aperte le porte del Cavallacci di Termini Imerese.