Bagheria: arrestato per frode fiscale Giuseppe Salamone imprenditore leader dei trasporti

cronaca
Typography

Ufficialmente Giuseppe Salamone era solo un dipendente, con funzioni di direttore commerciale. In realtà, era il vero patron della “Salamone group srl”, un’azienda di Bagheria che nel giro di una decina di anni è diventata leader nel settore dei trasporti e della logistica. L'imprenditore è stato arrestato per frode fiscale dai finanzieri del nucleo di polizia economico finanziaria di Palermo. Sono stati apposti i Sigilli a tre aziende e a beni per un milione e mezzo di euro.

L’inchiesta, coordinata dalla procura di Termini Imerese diretta da Ambrogio Cartosio, contesta le accuse di trasferimento fraudolento di valori e di evasione fiscale. Salamone avrebbe intestato il suo impero economico a dei prestanome, sono sei le persone indagate. E avrebbe anche creato ad arte un giro di false fatturazioni, per nascondere al fisco le sue ricchezze ed evitare il sequestro. Ma il grande raggiro è emerso nel corso di una verifica fiscale della Guardia di finanza durata quattro mesi. Ora, sull'azienda pesano anche alcune strane assunzioni, di persone continue ai clan.

070313562 cc1911d6 6c16 4226 a249 941c504aa164


Fra il 2009 e il 2016, l’imprenditore bagherese aveva ricevuto ben due avvisi orali da parte del questore, perché notato in compagnia di alcuni soggetti con precedenti per mafia, come Salvatore Eucaliptus. Ma le misure di prevenzione non avevano rallentato l'ascesa del "re" dei Tir di Bagheria. che ha continuato a incrementare la sua azienda, che conta un fatturato annuo di circa 6 milioni euro. Adesso, il giudice delle indagini preliminari di Termini, Stefania Gallì, ha nominato un amministratore giudiziario per tre società di Bagheria che hanno sede sulla statale 113, tutte facenti capo all'impero di Giuseppe Salamone: la "Salomone group srl", la "Transervice scarl" e la Transport's world scarl. L'amministratore giudiziario garantirà la prosecuzione dell'attività economica, le società hanno infatti diverse commesse da parte di aziende siciliane, per la distribuzione di generi alimentari in tutta Italia. Salamone aveva aperto una sede anche a Catania, intanto si dedicava alla sua grande passione, i cavalli