Alcuni bagheresi tra le vittime della tragedia a Casteldaccia, il sindaco predispone una giornata di lutto cittadino

cronaca
Typography

Erano residenti a Bagheria Monia Giordano di 32 anni ed il suo piccolo Francesco di 3 anni, rispettivamente moglie e figlio di Luca Rughoo che è riuscito a scampare alla tragedia che si è consumata ieri sera in contrada Cavallaro, tra Casteldaccia ed Altavilla a causa del temporale che avrebbe fatto esondare il fiume Milicia. Di origini bagheresi anche la mamma, di Rughoo, Nunzia Flamia di 65 anni anche lei vittima del maltempo.

“Tutta la comunità bagherese è costernata per la perdita di questi nostri concittadini. Ai familiari va tutta la nostra solidarietà” – dice il sindaco di Bagheria Patrizio Cinque che ha sentito telefonicamente Luca Rughoo cui ha manifestato la vicinanza ed il cordoglio di tutta la città di Bagheria.

Le vittime bagheresi, dopo i funerali che si svolgeranno a Palermo, verranno tumulate nel cimitero cittadino. Il sindaco Cinque, che si sta recando presso la camera mortuaria a Palermo, sta disponendo apposita ordinanza per indire una giornata di lutto cittadino, nel giorno del funerale, con l’esposizione delle bandiere a mezz’asta in tutti gli edifici della Istituzioni cittadine e un minuto di silenzio in tutte le scuole ed edifici pubblici alle ore 10, 00.

Ufficio Stampa comunale