13 persone a processo per furti in appartamento tra Bagheria e Termini Imerese

13 persone a processo per furti in appartamento tra Bagheria e Termini Imerese

cronaca
Typography

Tredici persone a processo per la raffica di furti in appartamenti e cantieri, commessi tra Bagheria e Termini Imerese. La banda è stata sgominata da un'operazione dei carabinieri il 7 marzo scorso.

A fare da basista sarebbe stata una donna, che raccoglieva quante più informazioni sui profili Facebook delle potenziali vittime o ascoltando le chiacchiere al bar o al mercato.

Come riporta un articolo di Giuseppe Spallino sul Giornale di Sicilia, il pm Guido Schininà ha citato a giudizio 13 persone, quasi tutte bagheresi. Si tratta di: Gianni Barone, 31 anni, che risponde del maggior numero di assalti; Filippa Scavo, 41 anni, la presunta basista, compagna di Barone; Giuseppe D'Amore, 26 anni, noto alle cronache per aver aggredito un ragazzo di colore a colpi di cric; Francesco D'Amico detto «o' scoccia», 22 anni; Cristian Galioto, 21 anni; Vincenzo Samuele Morana, 22 anni; Cristhian Casalnuovo inteso «il panella», 20 anni; Vincenzo Marco Galioto, 22 anni; Antonino Desio, 58 anni, di Palermo; Roberto Fazio, 21 anni; Alessandro Leale, 21 anni; Nicola Lo Coco, 22 anni; Giuseppe Nicchia, 38 anni, abitante a Misilmeri.

Il processo inizierà il primo ottobre davanti al giudice monocratico del Tribunale di Termini Imerese, Claudia Camilleri. Sono 16 i furti contestati, messi a segno non solo a Bagheria, ma anche nel circondario (Casteldaccia, Santa Flavia, Altavilla, Misilmeri, Termini Imerese), tra luglio e dicembre del 2017. Nel mirino pure i cantieri.