Una lettera del sindaco Tripoli e dell'assessore Lo Galbo ai dipendenti comunali

Una lettera del sindaco Tripoli e dell'assessore Lo Galbo ai dipendenti comunali

Politica
Typography

Una lettera per i dipendenti del Comune di Bagheria. E il saluto che il neo sindaco, Filippo Maria Tripoli e l’assessore al Personale, Maurizio Lo Galbo, hanno predisposto per augurare un proficuo lavoro ai dipendenti del Comune di Bagheria.

La missiva che arriverà a tutti i lavoratori di Palazzo Ugdulena, piazza Indipendenza, palazzo Busetta, palazzo Butera, Museo Guttuso, palazzo Cutò vuole essere un saluto ed un augurio di buon lavoro.

“Siete il cuore pulsante della macchina amministrativa – dichiara il sindaco Tripoli – senza questo ingranaggio non c’è Casa comunale che funzioni con efficacia, efficienza ed economicità”.

L’amministrazione comunale che si è appena insediata, con la stessa nota ha informato i dipendenti che presto il sindaco e l’assessore al ramo, Lo Galbo, incontreranno i dipendenti prima in una assemblea plenaria, con tutto il personale, la dirigenza, i responsabili apicali, e naturalmente il segretario generale. L’assessore poi proseguirà ad incontrare il personale, per ogni direzione e/o servizio.

Nella nota si invitano i dipendenti a collaborare per la realizzazione del programma elettorale del sindaco Tripoli e della sua coalizione per il bene della comunità e per migliorare i processi e percorsi amministrativi.

Il ruolo del Comune e dei dipendenti è strategico – aggiunge l’assessore Maurizio Lo Galbo che per instaurare sin da subito un fattivo rapporto con i dipendenti incontrerà le direzione una ad una ed il comando della polizia municipale che ha il compito di tutelare la sicurezza della cittadinanza degli spazi pubblici delle città e del territorio di propria competenza. L’assessore al personale incontrerà anche le RSU le rappresentanze sindacali di base.

“Le nostre porte sono aperte alle vostre segnalazioni e aspirazioni, ma ci attendiamo che siate propositi contro gli sprechi di risorse e contro le irregolarità” – conclude il sindaco Tripoli sottolineando che tutti, politici e dipendenti, devono essere orgogliosi di servire Comunità.

Scarica la lettera ai dipendenti