L'opposizione di centro destra: “La maggioranza rispetti le norme regolamentari anzichè tacciarci di ostruzionismo”

L'opposizione di centro destra: “La maggioranza rispetti le norme regolamentari anzichè tacciarci di ostruzionismo”

Politica
Typography

La maggioranza consiliare eserciti il potere amministrativo secondo le norme regolamentari invece di tacciare la minoranza di ostruzionismo. Nella seduta Consiliare del 10 luglio u.s. malgrado tutto avevamo dato la nostra disponibilità a trovare soluzioni per poter proseguire i lavori.


Per noi, consiglieri di minoranza, principio di legittimità e parametri di efficacia ed efficienza esprimono valori di pari dignità che devono essere bilanciati, dunque, sono il presupposto perché un potere, quello amministrativo del Sindaco e della sua maggioranza, venga riconosciuto e quindi accettato anche dalla minoranza;
Questi i motivi che ci hanno indotto a chiedere, nel momento in cui era stato sollevato il vizio regolamentare sulla inottemperanza dell'articolo 52 e 54 del regolamento di contabilità, con grande senso di responsabilità e nell'interesse della città, al Presidente del Consiglio, una sospensione dei lavori e un confronto su possibili soluzioni da adottare per superare l'empasse, purtroppo non siamo stati ascoltati e alla sospensione dei lavori è seguita la decisione unilaterale del Presidente del Consiglio e della sua maggioranza, di chiudere i lavori d'aula.
Non ci resta che ribadire che fornire in ritardo gli atti, le delibere, e tutta la documentazione a corredo dei punti oggetto di discussione consiliare, condiziona negativamente il civile confronto fra maggioranza e minoranza, inficia il valore del contraddittorio e danneggia il normale dibattito democratico in seno al Consiglio Comunale.
Non condividiamo infine l'asserzione dei consiglieri di maggioranza che nell'articolo del 12 luglio u.s. definiscono cautelativo il parere del Segretario Comunale che invece e a nostro avviso, deve sempre e comunque potersi serenamente esprimere, per i motivi più alti e nobili di legittimità e legalità, in merito all'azione amministrativa e che l'espressione di un parere negativo ed espresso di non conformità non può e non deve essere utilizzato come una presa di distanza dall’amministrazione.
F.to
Cons. Antonino La Corte ("Forza Italia")
Francesco Gurrado ("Forza Italia")
Gino Di Stefano ("L'Aquilone")
Paolo Amoroso ("L'Aquilone")
Domenico Prestigiacomo ("L'Aquilone")
Anna Zizzo ("Lega Salvini Sicilia")
Michele Rizzo ("Lega Salvini Sicilia")