Eravamo stati facili profeti: continuano a bruciare cassonetti, per calcolo o fatalità: mentre scriviamo i VV. FF. con una autobotte e cinque uomini stanno spegnendo in Via Agostino Aiello, il rogo di cinque cassonetti.
Non può essere solo colpa del caldo esploso all'improvviso; evidententemente ci sono dietro una mente e una strategia.

O si interviene al più presto o qualcuno di questi incendi dentro il centro abitato e in pieno giorno potrà provocare qualche grosso guaio.

Se non si provvede al più presto, rischiamo di ritrovarci nel giro di qaulche giorno con la spazzatura tra le strade e i cassonetti bruciati, che oltre al costo economico richiedono anche tempo per essere sostituiti. Stamattina tre cassonetti bruciati in Via Dante. Gli incendi richiano peraltro di innescare conseguenze più gravi.
Pare di capire che cambiano i presidenti, ma i cumuli di spazzatura sono sempre gli stessi.

Venerdì 18 aprile alle ore 21,00 a Palazzo Aragona Cutò concerto dell'Associazione Controscena dal titolo: "Harmonie Poétique et religieuses" di Franz Listz - al pianoforte Paolo Vergari, voce recitante Rosa Maria Spena. Il costo del biglietto di ingresso è di 7,00 euro, il ridotto per gli studenti è di 4,00 euro.

E' stata rinviata la seduta del consiglio comunale di Bagheria, che si sarebbe dovuta svolgere questa sera, giovedì 17, alle ore 18.
Al momento dell'appello mancava il numero legale di consiglieri.
Il vice Presidente D'Agati, ne ha preso atto, e ha rinviato la seduta a domani sera venerdì 18 Aprile alle ore 17.

Malgrado le assicurazioni forniteci ieri telefonicamente dal nuovo presidente del Coinres Antonio Caruso, la situazione della raccolta rifiuti si è oggi aggravata: i cumuli di spazzatura tendono a diventare montagnole di sacchetti, che marcendo sotto il sole emanano un odore intollerabile.
Proprio in questi giorni che con l'avvicinarsi del lungo ponte di fine mese, si cominciano a vedere in città gruppi di turisti. Ogni commento oltre che superfluo, ci pare anche inutile.

I giudici della terza sezione hanno assolto Nicolò Giammanco, a conclusione del processo su mafia e coop rosse, dall'accusa di "concorso esterno" in associazione mafiosa.
Secondo l'accusa, basatasi sulle dichiarazioni di Angelo Siino, la mafia avrebbe fatto una precisa scelta politica per garantirsi l'appoggio della sinistra sponsorizzando, nel campo dell'edilizia, la Coop. "La Sicilia" di Bagheria.

Nell'incontro conclusosi, circa un'ora fa in Prefettura, si è di fatto raggiunto un accordo tra lavoratori e sindacati e la PK Sicily, nuova proprietaria dell'Hotel Zagarella.
Saranno prodotti ed esaminati i curriculum e i C.U.D. a partire dal 2006 dei lavoratori che hanno prestato la loro opera presso la struttura alberghiera.
Con la mediazione del dott. Massocco, viceprefetto, si è arrivati alla conclusione che i lavoratori generici e specializzati (idraulici, impiantisti, elettricisti) potranno essere assorbiti dalla società che curerà la ristrutturazione dell'hotel.
Gli altri potranno essere impiegati negli hotel di proprietà di PK Sicily , in Italia e all'estero e di cui la Domina Vacanze cura la gestione.
Clima di soddisfazione a conclusione dellincontro: una verifica dell'accordo sarà fatta a novembre sempre in Prefettura.
La riapertura dello "Zagarella" dopo la fase di ristrutturazione è prevista nel 2009.

Altri articoli...