Al Cambio Rotta di Altavilla Milicia l'evento "Il sociale sotto le stelle"

Al Cambio Rotta di Altavilla Milicia l'evento "Il sociale sotto le stelle"

le brevi
Typography

Lunedì 29 settembre alle ore 19 ad Altavilla Milicia presso il locale Cambio Rotta (ubicato in un bene confiscato alla mafia ), la Casa del Volontariato di Bagheria in collaborazione con il consorzio Ulisse, gestore del bene, il CASB (Coordinamento delle associazioni del Bagherese) e la delegazione Cesvop di Bagheria, organizza l'evento "Il sociale sotto le stelle".
Un momento conviviale e al contempo, informativo, formativo e di confronto.


I volontari delle associazioni preparerannono una cena con il supporto del personale specializzato del Centro della "Cucina Internazionale del Mediterraneo" che ha sede propriamente al Cambio Rotta.
La cena conviviale sarà preceduta alle 19 da un momento di confronto e formazione, a cui saranno presenti gli assessori ai Servizi Sociali di Altavilla Milicia, Maria Rita Lazzara e di Bagheria, Emanuele Tornatore, i responsabili della Casa del Volontariato di Bagheria e del Consorzio Ulisse, Michela Uzzo, resposabile territoriale del Cesvop per la provincia di Palermo e Marcella Silvestre, responsabile del Cesvop per la programmazione progettuale e i volontari delle associazioni che aderiscono al CASB.
Presenzieranno: il Presidente del Casb, Michele Balistreri, della Delegazione Cesvop di Bagheria, Gianluca Rizzo, il presidente del Consiglio Comunale di Altavilla Milicia, Biagio D'Ugo e infine il Vice -Presidente del Consiglio Comunale di Bagheria, Francesco Gurrado. Cambio Rotta è ubicato su un villino a picco sul mare ad Altavilla Milicia, già confiscato alla mafia, dove si sta sperimentando la gestione sostenibile da parte del consorzio Ulisse e al cui interno opera un centro culturale polivalente con laboratori esperienzali e una scuola di cucina.
Una maniera gradevole e conviviale per continuare il percorso di comunità, alla ricerca di soluzioni innovative per la gestione di un nuovo Welfare e condividere momenti di aggregazione piacevoli e al tempo stesso d’impegno sociale, di formazione e di informazione. Sarà l'occasione per trasferire esperienze, idee e proposizioni sulle modalità virtuose di gestione di un bene confiscato alla mafia, per positive ricadute sul tessuto sociale, culturale e produttivo delle Comunità.