Bagheria: ubriachi si scagliano contro la Polizia, 2 giovani arrestati e altri 4 denunciati

Bagheria: ubriachi si scagliano contro la Polizia, 2 giovani arrestati e altri 4 denunciati

le brevi
Typography

Fugge a un posto di blocco della polizia che poco prima aveva fermato lui e altri cinque ragazzi sorpresi a bere alcol per strada. E’ accaduto a Bagheria dove C.G. e V.S.M, di 21 e 22 anni, sono stati arrestati ieri sera per i reati di resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale dopo un controllo sul rispetto del decreto anticontagio che invita tutti a restare a casa.

Durante un passagio in volante una pattuglia ha notato un assembramento di giovani che stavano bevendo birra e vino per strada. “Gli agenti - spiegano dalla Questura - hanno identificato i presenti che risultavano in stato di ebbrezza alcolica. Durante questa fase V.S.M fuggiva via facendo perdere le proprie tracce. Inutilmente in quanto già riconosciuto dagli agenti per i suoi numerosi precedenti e per essere sottoposto alla misura dell’obbligo di dimora, con permanenza in casa dalle ore 20 alle 6.30”.

I sei giovani trovati per strada sono stati denunciati per inosservanza dei provvedimenti del’autorità e invitati a tornare a casa e a restarvi. Ma non è finita qui. Qualche ora dopo la polizia ha provato a fermare uno scooter, un Honda Sh300 che procedeva a forte velocità. “Il conducente - ricostruiscono dalla Questura - lanciava il mezzo ad alta velocità costringendo il personale a spostarsi per non essere investito ed evitare l’impatto”.

Dopo una fuga a tutta velocità i due che si trovavano sullo scooter sono riusciti a fare perdere le proprie tracce, ma gli investigatori sapevano già dove andare a cercarli. “I poliziotti si sono recati nei pressi dell’abitazione di G.C. e nel contempo notavano per strada anche V.S.M, che veniva invitato più volte, inutilmente, ad entrare all'interno della propria abitazione poiché non stava ottemperando alle disposizioni di cui era destinatario con Ia misura dell’obbligo di dimora. Il 21enne giunto a casa si opponeva al controllo degli agenti e dava in escandescenze aggredendo gli agenti. V.S.M. per dare man forte aggrediva anche lui i poliziotti i quali con non poca fatica riuscivano a bloccare i due che cercavano di divincolarsi anche all’interno delle autovetture di servizio”. Condotti in commissariato sono stati arrestati e condotti presso alla Scientifica per il fotosegnalamento. L’arresto è stato convalidato dall’autorità giudiziaria< /p>