Dal 22 al 28 luglio a Villa Cattolica la 10° edizione di Animaphix

Dal 22 al 28 luglio a Villa Cattolica la 10° edizione di Animaphix

cultura
Typography

Il violoncellista Giovanni Sollima apre la decima edizione di Animaphix con “Sonámbulo”, cine-concerto ispirato alle opere del regista e artista Theodore Ushev, che riceverà il Premio Guttuso 2024.

La decima edizione di Animaphix si apre martedì 22 luglio, alle ore 21 presso Villa Cattolica a Bagheria (Pa), con “Sonámbulo”, cine-concerto di Giovanni Sollima - uno dei più grandi virtuosi del violoncello e compositore di fama internazionale - che ripercorrererà le opere pittoriche del regista e artista bulgaro, di adozione canadese Theodore Ushev, attraverso sonorità che vanno dal barocco al rock, al metal, per una esibizione di straordinaria energia. (L'ingresso è gratuito fino a esaurimento posti)
Al contempo al regista Theodore Ushev sarà dedicata una retrospettiva che comprende la quasi totalità dei film da lui realizzati in un quarto di secolo, e sarà consegnato il Premio Guttuso 2024 per l'ampio numero di film prodotti con la tecnica della pittura in movimento.

Il cine-concerto “Sonámbulo”
Il cine-concerto “Sonámbulo”, il cui titolo prende il nome dall’omonimo cortometraggio di Ushev, rappresenta una vasta tela sonora dove le opere del regista si intrecciano a nuove composizioni e si adattano alle sfumature del suono: è l’incontro tra due artisti versatili, l’uno “virtuoso spericolato”, che abbraccia la storia della musica fino a raggiungere i suoni della contemporaneità, l’altro “regista punk”, dalla poetica fatta di arte figurativa, musica e cinema, che con il suo metalinguaggio parla direttamente all’arte stessa e allo spettatore.

Theodore Ushev
La continua ricerca di forme espressive, la curiosità verso ogni cosa ed ogni luogo fanno del regista una delle figure preminenti nel cinema di animazione del primo quarto di secolo del terzo millennio.
La retrospettiva che si presenta durante la decima edizione di Animaphix comprende la quasi totalità dei film da lui realizzati in un quarto di secolo, tra questi si segnala Tower Bawher (2005), una cavalcata di immagini e una corsa sfrenata attraverso il costruttivismo Russo sulla musica di Georgy Sviridov, da cui si possono già evincere alcune caratteristiche della sua arte, in particolare il suo rapporto privilegiato con la musica, come nei successivi Drux Flux (2008), cortometraggio in parte figurativo e in parte astratto - su una musica di Alexandre Mossolov e ispirato dal libro “One-Dimensional Man” del filosofo Herbert Marcuse -, in cui il regista decostruisce le scene industriali e la loro terrificante geometria per mostrare la disumanità del progresso, e Gloria Victoria (2012) che prende spunto dalla Sinfonia di Leningrado (n. 7) di Dimitri Shostakovich, dove continua e si approfondisce una sorta di ammirazione conflittuale con l’estetica costruttivista, dando vita ad una vera e propria trilogia sulle relazioni tra arte e potere.
La musica prende letteralmente il sopravvento in Sonámbulo (2015), cortometraggio indipendente ispirato alla poesia “Romance Sonambulo” di Federico García Lorca, che rappresenta un viaggio surrealista di forme e colori su un frenetico brano del musicista bulgaro Kottarashky, che qualche anno prima aveva firmato il brano musicale su cui si basa Demoni (2012), una successione di scene di arte popolare dell'Europa orientale che scorrono su un disco in vinile.
Ancor più strutturati e complessi appaiono lo pseudo documentario Les journaux de Lipsett (Lipsett Diaries, 2012) realizzato a partire da un presunto ritrovamento dei diari dello sfortunato artista canadese Arthur Lipsett, la cui statura artistica è sempre stata sottostimata anche a causa della sua discesa vorticosa nella depressione e nella follia, fino al suicidio nel 1986, e il più recente Physique de la Tristesse (The Physics of Sorrow, 2019), un film monumentale in pittura animata, forse il punto artistico più alto fino ad oggi raggiunto da Ushev, basato sul romanzo dello scrittore bulgaro Georgi Gospodinov, che ricostruisce la storia della sua vita come un labirinto, vagando nel passato per trovare il bambino malinconico al centro di tutto.
Per approfondire ulteriormente l’attività del regista bulgaro-canadese sarà proiettato Unseen Connections (2022) di Borislav Kolev, un documentario su Theodore Ushev che parla delle connessioni biografiche, storiche, culturali e subculturali che lo hanno plasmato come persona e artista.
Sarà presentata, inoltre, la versione VR di Vaysha l’Aveugle (Blind Vaysha, 2016), basato su un testo di Georgi Gospodinov che racconta la storia di una ragazza che vede il passato con l'occhio sinistro e il futuro con quello destro, e quindi non è in grado di vivere nel presente. La visione del film sarà possibile solo attraverso dei visori nella VR Zone del Festival, con il quale il singolo spettatore dovrà scegliere se vedere il passato o il futuro, dando vita a finali differenti del film.

Animaphix – Nuovi Linguaggi Contemporanei Film Festival è realizzato grazie al contributo e patrocinio del Ministero della Cultura – Direzione Generale per il Cinema e l’Audiovisivo; della Sicilia Film Commission – che opera all’interno dell’Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo della Regione Siciliana; del Comune di Bagheria. Con il sostegno dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente della Sicilia (Arpa Sicilia), del Consiglio delle Arti e delle Lettere del Ministero della Cultura e delle Comunicazioni del Quebéc, della Delegazione del Quebéc a Roma, dell'Instituto Cervantes di Palermo, dell'Ambasciata della Repubblica Ceca, del Centro Ceco di Roma, dell'Istituto Polacco di Roma.

«La Sicilia Film Commission torna a confermare il sostegno al festival Animaphix, che si attesta per il decimo anno una delle realtà più innovative nel panorama del cinema d’animazione sperimentale e dei Nuovi Linguaggi Contemporanei, ponendo al centro della propria ricerca il rapporto tra cinema e arti visive, con uno sguardo attento alle ultime frontiere della realtà virtuale applicata all’audiovisivo, distinguendosi per originalità e internazionalizzazione».
Nicola Tarantino (Dirigente responsabile Sicilia Film Commission – Dipartimento regionale Turismo Sport Spettacolo Regione Siciliana).

«Il Comune di Bagheria è impegnato, ormai da diverso tempo, a cogliere ogni occasione per promuovere la Città, il territorio, la sua cultura, le sue tradizioni, le sue bellezze paesaggistiche e naturalistiche e anche le prelibatezze culinarie ed eno-gastronomiche – dice il sindaco di Bagheria, Filippo Maria Tripoli – con questo spirito e apprezzando la bontà del programma, ogni anno, oramai per dieci anni, scegliamo di essere al fianco di Animaphix, della sua direttrice e ideatrice Rosalba Colla, perché questo festival internazionale ci offre non solo un'offerta cinematografica di corti di ampio respiro europeo ma anche perché apre una finestra proprio sui tanti che si recano nella Città delle ville e del gusto per seguire questo oramai decennale festival». Filippo Maria Tripoli (Sindaco Bagheria)

«I dieci anni di Animaphix sono un evento importante perché rappresentano dieci anni di progetto, dieci anni di lavoro, dieci anni di impegno per la promozione della cultura e dieci anni di promozione dell'immagine della nostra città, Bagheria - dice l'assessore Daniele Vella – e della nostra comunità sul territorio nazionale e anche oltre il territorio nazionale. Per questo l’amministrazione comunale ha voluto fortemente confermare, anche quest'anno, di essere accanto ad Animaphix ed ai suoi organizzatori per un festival che possa essere all'altezza di queste aspettative».Daniele Vella (Assessore alla Cultura - Comune di Bagheria)

«Animaphix festeggia la sua decima edizione: dieci anni di cultura, sperimentazione e innovazione. Un festival aperto al mondo, che guarda al futuro non soltanto del cinema, ma di un territorio. Non abbiamo mai perso l’attenzione sul nostro contesto, ricco di contraddizioni, ma anche espressione di grande intelligenza e lungimiranza. Quando ho fondato questo piccolo festival immaginavo i suoi primi dieci anni, con il suo percorso e le sue mutazioni. Oggi, mentre mi preparo a festeggiarli, con un pizzico di orgoglio, insieme alle persone che lo hanno attraversato e ci hanno creduto fortemente, immagino i prossimi dieci».
Rosalba Colla (Co-direttrice artistica Animaphix -Nuovi Linguaggi Contemporanei Film Festival)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.