Brevi

In una dura nota, letta ieri sera in apertura del consiglio comuanle, e inviata al Sindaco, all' Assessore al bilancio, ai dirigenti, e per conoscenza ai capigruppo, al presidente della II Commissione consiliare, e all'Assessorato Regionale alla famiglia e autonomie locali, il presidente del consiglio Bartolo Di Salvo, segnala che il Ministero dell'Interno aveva fissato la data del 31 Maggio 2008, quale termine ultimo per l'approvazione del bilancio di previsione.

Ad oggi, sottolinea Di Salvo, non è ancora pervenuta alla Presidenza neanche la bozza della proposta deliberativa del bilancio, nè quella del Piano triennale che precede ed è introduttiva al bilancio stesso.
Si diffidano, pertanto, continua Di Salvo, i destinatari della nota, che, nella eventualità dovesse essere nominato un Commissario ad acta, la responsabilità ricadrebbe tutta sulle figure citate in premessa, politici e funzionari.

Conclude Di Salvo, che è fondato il sospetto che sia proprio questa la soluzione cui voglia pervenire l'ammministrazione, per sottrarre così al consiglio comunale , una delle sue precipue ed esclusive competenze, e che nella qualità di presidente del consiglio sta predisponndo una relazione da inviare alla Corte dei Conti e all'Assessorato Regionale delle Autonomie Locali.

Una nota di protesta è stata inviata dall'assessore alla agricoltura e alle attività produttive del comune di Bagheria, Pietro Pagano (nella foto), all'assessore regionale, al Prefetto e al Presidente del Consorzio Palermo 2, che gestisce le acque irrigue provenienti dall'invaso Rosamarina sul S.Leonardo.
Si protesta soprattutto per la scarsità di acqua, per l'assenza di organizzazione delle turnazioni e prenotazioni che nuocciono alla normale erogazione idrica e creano gravi problemi e disagi ad una agricoltura che ha già seri problemi da affrontare.
Si chiede l'intervento delle autorità citate, considerato che, ad una precedente nota di protesta, non era seguita, alcuna azione per la soluzione dei problemi sollevati.

Abbiamo pensato a questo banalissimo, ma per noi esilarante, scambio di battute, quando stamane assolutamente per caso ci è passata tra le mani, ed abbiamo potuto pertanto dare una scorsa furtiva, la risposta che la Dr.ssa Marina Marino - responsabile del Programma Urban Italia - ha inviato al Sindaco, e ad altre autorità politiche e amministrative in risposta, crediamo, alla nota della C.G.I.L da noi pubblicata con una breve premessa, e dal titolo "Incarichi Urban Italia: fu vera trasparenza"?

Naturalmente rimandiamo ad un giudizio più ragionato, che competerà ovviamente innanzittto al sindacato della C.G.I.L. nei confronti del quale, tra l'altro, si preannunciano le vie legali, per le affermazioni prive di riscontro( almeno così dice la responsabile di Urban) contenute nella nota sindacale., Noi faremo le nostre considerazioni quando  il documento sarà pubblico. Sarà opportuno sapere inoltre in che termini, e da chi, è stata formulata la richiesta di chiarimenti alla Dr.ssa Marina Marino.

Noi abbiamo solo visto intravisto un lunghissimo "papello" in cui si parla del ruolo di Urban, della necessità di rendicontare nei termini e di evitare di perdere somme già destinate al progetto.
Ma sul merito della questioni che il sindacato solleva, viene dedicato, (anche se si sottolinea, che è proprio questo l'elemento determinante cui si intende rispondere), poco più o poco meno di un rigo, in cui si dice, citiamo a memoria, che la scrivente (la dr.ssa Marino ndr) ha agito nel rispetto della legalità e della trasparenza.

Che dire? Lo ripetiamo: noi aspetteremo che il documento diventi pubblico, ed in quel momento lo sottoporremo all'attenzione dei nostri lettori, che potranno giudicare da sè.

Una buona notizia: l'altro ieri da Palazzo Aragona Cutò, abbiamo potuto osservare che procedono di buona lena i lavori per il posteggio di Piazza Stazione, che utilizzando la vecchia area merci dismessa, consentirà un comodo posteggio a centinaia di auto di pendolari che utilizzano il treno quale mezzo di trasporto; e se, come crediamo, si realizzerà un passaggio diretto dal posteggio in Via Consolare, senza la necessità di dovere tornare nella zona del passaggio a livello, sarà alleggerito dal traffico uno dei nodi più caotici.
Non si può che compiacersene.





All'inizio della seduta del consiglio comunale di mercoledì 28 maggio, Gaetano D'Agati che presiedeva la seduta per l'assenza di Bartolo Di Salvo, ha letto due comunicazioni: la prima del consigliere Giuseppe Tripoli (foto in alto a sinistra) e la seconda di Angelo Bartolone (foto in alto a destra), che si dichiaravano indipendenti rispetto ai gruppi di appartenenza "Per risvegliare Bagheria"" e "Bagheria Popolare". Saranno ormai sei o sette i consiglieri indipendenti.
Insomma "liberi tutti" per avere mano libera in attesa del famoso e ormai mitico "rimpastone" ( o ribaltone?)

Case rurali, vegetazione spontanee, sterpaglie, ma anche coltivazioni di ulivi secolari andati in fumo nella giornata di ieri complici il forte e caldo vento di scirocco, si sono sfiorati i 40 gradi, e la mano perfida dell'uomo.
Non la dimenticheranno tanto facilmente i vigili del fuoco che hanno dovuto fronteggiare le fiamme in diverse contrade, San Michele, Cavallaro, Marmoia, i proprietari dele abitazioni estive che le fiamme hanno rischiato di bruciare, richiamati in fretta e furia in certi casi da Palermo, ed il sindaco Salvatore Scaletta a fare per quello che può essere possibile un censimento dei danni per i compiti di competenza all'amministrazione comunale.
Chiusa per qualche ora anche l'autostrada Palermo Catania, il traffico è stato dirottato sulla 113. File di auto e camion di oltre sei chilometri con qualche motore, che per l'eccessivo surriscaldamento, va pure in fumo. La situazione si è quasi normalizzata in serata.
Per il lavori di spegnimento è stato utilizzato anche un Canadair.
Incendi anche nelle montagne sopra Misilmeri.

Consegnati questo pomeriggio a Ficarazzi, presso la sede della scuola "F.P.Tesauro" di Via Dell'aria a Ficarazzi, alla presenza dei sindaci di Bagheria e Ficarazzi, del Direttore Generale dell'Ufficio Scolastico Regionale Guido Di Stefano e dell'assessore Vittoria Casa, i premi ai vincitori della prima edizione del concorso intitolato a Renato Guttuso.
Hanno partecipato anche i pittori Puleo e Amorelli che hanno guidato in questa settimana i ragazzi nelle produzioni estemporanee sul tema: " La pittura e la...guerra".

Altri articoli...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.