A Villa Cattolica la mostra di Marco Cingolani

cultura
Typography

Giovedì 19 luglio alle ore 18.30, nel'ambito di Animaphix International Animated Film Festival, sarà inaugurata la mostra personale di Marco Cingolani presso il Museo Guttuso. La mostra, aperta da martedì a domenica dalle ore 9:00 alle 17:00 e durante i giorni del Festival (18 – 22 luglio 2018) dalle ore 9:00 alle 24:00, sarà visitabile fino al 31 agosto.

Marco Cingolani, cunese di nascita ma milanese d’adozione, è uno dei pittori più significativi e originali della scena italiana e rappresenta – citando la nota rivista di arte Artribune – un punto di riferimento per le nuove generazioni di artisti.
Il suo lavoro, eclettico e originale, tocca diverse tematiche ma ha come punto comune quello dello scardinamento del potere delle immagini mediatiche, che spesso ci offrono una visione alterata e parziale della realtà. Il ruolo dell’artista invece, secondo Cingolani, è di massima importanza all’interno della società, poiché attraverso l’arte è possibile offrire un punto di vista decisivo per una più completa interpretazione del mondo.
La mostra che verrà inaugurata a Villa Cattolica il 19 luglio, intitolata Lupercalia aujourd’hui, ha come tema quello della festa.
“Lupercalia aujourd’hui è un’esperienza simbolica” – spiegano gli organizzatori della mostra – “che trasferisce il senso della festività romana nella contemporaneità, nella quale il rito della festa, dal Carnevale ad Halloween, dalla Love Parade ai raduni musicali inaugurati da Woodstock, corrisponde a un momento di pausa dalla meccanica quotidianità e si carica di inebriante follia, di lotta continua, di danza, di passione e di erotismo”.

Le opere di Marco Cingolani si inseriscono dentro questa dialettica tra il regolare e l’irregolare, ravvisabile nei tocchi di colore puro, in contrasto con lo sfumato del “paesaggio”.
Accanto ai dipinti, che vogliono evocare una sequenza cinematografica, o meglio d’animazione, l’autore presenta una serie inedita di libretti pop-up, ritoccati, rettificati, modificati, usando la stessa espressività segnica e cromatica presente nei quadri.

Stefania Morreale